il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Schiamazzi per le brioches, esposto contro la pasticceria

I residenti di via XI Febbraio si rivolgono a sindaco, prefetto, polizia, carabinieri e vigili

Schiamazzi per le brioches, esposto contro la pasticceria

La pasticceria Denti in via XI Febbraio a Cremona

CREMONA - Esposto contro le brioches che levano il sonno: decisi a rivendicare il loro «sacrosanto diritto» di riposare la notte, quindici famiglie residenti in via XI Febbraio hanno depositato una petizione in cui si domanda di «porre l’attenzione, controllare e accertare quanto accade da ormai tre anni nelle ore notturne, d’estate sia durante la settimana sia durante il week end e in inverno le notti del venerdì e del sabato, dentro e fuori il laboratorio di pasticceria Denti, che lavora dalla una sino al mattino alle otto, otto e mezza».

Prima si definisce il problema, nella documentazione inviata l’altro ieri alla prefettura, alla polizia di Stato, ai carabinieri, ai vigili urbani e al sindaco Gianluca Galimberti: «Durante questo lasso di tempo, i pasticceri, sostenendo di essere autorizzati, sono soliti vendere le brioches ad avventori, prevalentemente ragazzi, che dalle due e sino alle cinque del mattino stazionano davanti all’attività, provocando schiamazzi notturni, urlando come fosse giorno fatto e talvolta giocando a pallone in mezzo alla strada».

Poi si ripercorrono i fatti: «Alcuni di noi si sono rivolti ai proprietari della licenza dell’attività per poter trovare una soluzione pacifica a questa ormai insostenibile situazione. I gestori hanno detto di voler collaborare e pertanto hanno apposto un cartello ad una delle due vetrine, con il divieto di vendita delle brioches. Ma questo avviso non ha sortito alcun effetto. A richiesta diretta agli avventori di abbassare la voce questi non hanno mai prestato attenzione alle nostre rimostranze, e tanto meno i pasticceri hanno mai scoraggiato o impedito ai ragazzi di stazionare davanti alla loro attività e di gridare in mezzo alla strada». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

24 Settembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000