il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Inaugurata la nuova chiesa al Maristella

Il vescovo: accoglienza e condivisione

Inaugurata la nuova chiesa al Maristella

CREMONA - Festa di popolo, domenica 14 settembre al Maristella, per la solenne inaugurazione della nuova chiesa, dedicata all’Immacolata Concezione, costata due anni di lavori e quasi tre milioni di euro. Accolto dal parroco don Pier  Codazzi, il vescovo Dante Lafranconi ha insistito sui concetti della condivisione, dell’accoglienza ed ha ricordato i cristiani massacrati per la loro fede. Don Giampaolo Maccagni ha dato lettura di una lettera di auguri e esortazione di Papa Francesco firmata dal Segretario di Stato Parolin. Al termine abbondante rinfresco per tutti.

 

14 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • eva

    2014/09/17 - 16:04

    Lo stabile definito ecomostro è composto da ben 22 appartamenti e 22 autorimesse in quattro piano di altezza e sono solo in affitto.

    Rispondi

  • silvia maria

    2014/09/16 - 22:10

    Sig.ra eva, scusi la mia ignoranza, ma per ecomostro intende lo stabile/palazzina che si vede sul retro? E cosa se ne fa la curia di quel coso li?

    Rispondi

  • Paolo

    2014/09/15 - 15:03

    Buongiorno nel raggio di 2/3 km ci sono 4 chiese più o meno frequentate; il fedele locale era già pienamente dotato di servizi al culto. Quante chiese di campagna cadono in rovina? E i richiami alla sobrietà da parte del Pontefice?

    Rispondi

  • eva

    2014/09/15 - 14:02

    Sono pienamente d'accordo con la sig.ra Silvia Maria, perchè quando ho saputo la cifra ho fatto un salto. Ma quello che più mi indigna è la nuova urbanizzazione sorta di fianco alla nuova chiesa. Quatttro piani di ecomostro immersi in una delle zone più belle di Cremona composta da belle ville e verdi giardini. Come rovinare uno splendido contesto. L'ecomostro è della curia naturalmente.

    Rispondi

  • silvia maria

    2014/09/15 - 10:10

    Sono Cattolica, praticante. Permettetemi solo un mio "modo di vedere", anzi passatemelo. San Francesco ha sempre vissuto di povertà, come del resto anche la Chiesa, non "francescana", a mio parere dovrebbe essere. Allora perchè tutto questo lusso? Sapete con tre milioni di euro quante Chiese si sarebbero aiutate e quante altre opere di aiuto ci stavano? Era necessaria una Chiesa così di lusso? Ripeto e preciso : è solo un mio modo di vedere, nulla a togliere con tutto il resto.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000