il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Danneggia due auto a calci nel parcheggio dell'ospedale

Il vandalo, un italiano 30enne, bloccato dalle guardie del Maggiore

Danneggia due auto a calci nel parcheggio dell'ospedale

L'ingresso dell'ospedale di Cremona

CREMONA - Prima ha alzato il gomito. Poi si è scatenato su due auto parcheggiate e le ha danneggiate a furia di calci, provocando danni per svariate migliaia di euro. Una furia. Soltanto l’intervento delle guardie ospedaliere ha permesso di limitare la portata della devastazione e, soprattutto, ha impedito che tutto degenerasse ulteriormente. Una notte brava per la quale si fatica a trovare una spiegazione plausibile quella avvenuta tra mercoledì e giovedì scorsi all’interno del nosocomio di Cremona. Diciamo subito che i pesanti atti vandalici sulle due vetture (una di proprietà di un medico) non sono in alcun modo legati ai proprietari degli stessi veicoli. Insomma, non siamo in presenza di una vendetta o di qualcosa di simile. Una volta scattata la segnalazione, intorno all’una, le guardie ospedaliere in servizio sono piombate al parcheggio e hanno bloccato il vandalo, un italiano di circa trent’anni.

Nel contempo è scattata la chiamata alla sala operativa dei carabinieri, che ha subito inviato nel nosocomio una pattuglia del Nucleo radiomobile. L’uomo è stato preso in consegna dai militari e poi condotto al comando di viale Trento e Trieste dove, terminata l’identificazione e contattati i proprietari delle due vetture prese di mira, è stata formalizzata la denuncia. Da rimarcare — e in queste ore è stato fatto più volte all’interno del nosocomio — l’efficacia dell’intervento garantito dalle guardie ospedaliere: per quanto da tempo alle prese con un progressivo calo degli effettivi, chi garantisce i servizi a presidio del nosocomio continua a farlo con molta determinazione. Lo dimostrano anche gli interventi svolti per azzerare quei comportamenti sopra le righe che infastidiscono chi varca la soglia del Maggiore.

13 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • koglione

    2014/09/14 - 21:09

    non ho mai letto: "fuma 3 sigarette e spacca 2 auto", oppure: " fuma 20 sigarette e ammazza un pedone sulle striscie". allora perchè scrivere messaggi sulle sigarette e non sulle bottiglie? non so...del tipo... " l' alcool uccide 100 volte più del fumo", oppure: "smetti di bere del vino che diventi cretino!" fa rima. ma non credete a quello che scrivo, io sono solo Emerito Koglione.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000