il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELVETRO PIACENTINO

Furto in casa della defunta

Ladri scatenati, blitz in appartamenti e in aziende. Per agire forse hanno letto i manifesti funebri

Furto in casa della defunta

L'inferriata divelta

CASTELVETRO — Almeno cinque furti messi a segno in una manciata di ore, il più odioso è quello compiuto nell’abitazione di un’anziana morta da pochi giorni. Gli episodi sono storia dell’alba di giovedì 24 luglio: dalle 5 in poi i ladri hanno letteralmente saccheggiato il paese entrando nel magazzino dell’impresa funebre Troni, al bar New Garden, al circolo La Buca e in due case di via Fratelli Rosselli. Il bottino complessivo è di alcune migliaia di euro, anche se potrebbe aumentare nelle prossime ore visto che non sono escluse ulteriori denunce.

A provocare sconcerto è soprattutto il colpo nell’abitazione della defunta: il raid dei ladri potrebbe essere una coincidenza oppure, come credono in tanti, potrebbe essere un episodio mirato proprio com’era accaduto qualche mese fa a Monticelli. I malviventi potrebbero infatti avere letto i manifesti funebri ancora affissi in paese e avere dedotto che l’abitazione era incustodita. Da quantificare con precisione il bottino, stessa cosa per l’altra abitazione violata.

Per quanto riguarda gli esercizi pubblici, invece, sono spariti contanti, attrezzi e alimenti. La prima tappa della banda è stata all’impresa di onoranze funebri: passando dalla strada provinciale Due Ponti i ladri sono riusciti ad entrare nel magazzino e a prendere alcune attrezzature (ad esempio trapani) usate in seguito nei due bar. Al New Garden, che si trova proprio di fianco a Troni, la banda è entrata praticando un foro nel controsoffitto: dopo aver rotto una finestra al secondo piano, i ladri hanno tagliato il pannello in legno sopra l’area in cui si trovano le macchinette videopoker. Quindi, usando anche una piccola scala, sono scesi nel locale e hanno aperto una slot prelevandone il contenuto.

Infine sono andati al circolo sportivo La Buca di via Matteotti, dove hanno sollevato la sbarra di un’inferriata sul retro. Una volta dentro hanno rubato qualche gelato e bibite, fermandosi anche per uno spuntino sul posto. «Ormai alla Buca abbiamo quasi raggiunto quota 30 furti — dice l’assessore allo Sport Massimo Zerbini —. Il varco che hanno creato è molto piccolo, segno che si tratta di qualcuno di smilzo. E poi c’è anche una sorta di firma: la bottiglietta con la bevanda lasciata a metà, al centro del tavolo. Anche la volta scorsa era stata trovata». Su tutti i fatti indagano i carabinieri di Monticelli, non si esclude che ad agire siano state due distinte gang.

24 Luglio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000