il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ruba scarpe all'Oviesse

Inseguita dal personale viene bloccata fra i banchi del mercato

Ruba scarpe all'Oviesse

L'interno di un negozio Oviesse in una foto di repertorio

CREMONA - Il furto all’interno dell’Oviesse, la fuga verso il mercato inseguita dagli operatori del negozio di corso Vittorio Emanuele teatro della razzia e infine, con il contributo decisivo di alcuni ambulanti e di chi si trovava fra i banchi, la fine della corsa: è stata bloccata e denunciata per ‘furto’ la straniera che, ieri poco dopo mezzogiorno, spostandosi come una normale cliente fra i reparti della rivendita aveva rubato un paio di scarpe. Bottino povero. Costatole comunque caro perché il personale in servizio si è accorto dei suoi movimenti anomali e, non appena l’immigrata è uscita, si è messo all’inseguimento. 
Vano il tentativo della straniera di disfarsi della refurtiva. Dopo pochi passi di corsa, fra le bancarelle della porzione di mercato compresa tra piazza Stradivari e via Monteverdi è stata fermata dai cittadini per poi essere definitivamente presa in consegna dagli agenti della squadra volante. Accompagnata in questura e poi identificata come cittadina romena, è stata denunciata a piede libero. E intanto, al netto di una cronaca che spesso sceglie di non occuparsene nemmeno più, continuano ad aumentare le razzie all’interno delle attività. Si rubano scarpe, come ieri. Ma anche calze, magliette e maglioncini, prodotti per bambini, cosmetici e generi alimentari. Qualche volta si ruba per effettiva predisposizione al reato ma, spesso, si ruba semplicemente perché si è costretti a farlo. Per fame. Perché a mordere è ancora la crisi. Sempre di più.

23 Luglio 2014

Commenti all'articolo

  • They

    2014/07/24 - 08:08

    Non sono d'accordo, la maggior parte di questi furti è opera di zingari e non colpa della crisi.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000