il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il dono del sangue in 'vendita'

Denuncia-appello dell'Avis nazionale: c'è chi incentiva gli avisini con i soldi

Il dono del sangue in 'vendita'

Ferruccio Giovetti

CREMONA - Il pericolo, morale più che altro, è già percepibile: causa crisi, quello del sangue rischia di trasformarsi da dono a vendita. Perché il numero dei donatori scarseggia sempre più e ci sono zone dove, già adesso, a fronte di quella flessione c’è chi per incentivare le donazioni garantisce buoni spesa piuttosto che altro sostegno o, addirittura, veri e propri premi in denaro.

Almeno, è quanto rivela la lettera, una sorta di appello che non nasconde la realtà, inviata dal presidente nazionale dell’Avis, Vincenzo Saturni, a tutte le sezioni e arrivata nelle ultime ore anche in quella locale, sulla scrivania del suo responsabile, Ferruccio Giovetti. Che ricevuta la comunicazione e valutato, condividendolo, il contenuto, non si sottrae al confronto: «La premessa — puntualizza subito — è che qui non accade nulla di simile e che non accadrà nemmeno in futuro. Nella mia idea, quel profilo non è contemplabile perché il volontariato è solidarietà e gratuità: non può macchiarsi di altro e non ha facce diverse da quella che ho sempre conosciuto e che continuerò a promuovere, un volto sul quale non può esserci scambio se non quello che domanda la propria coscienza e la propria sensibilità. Ma è evidente che è un rischio concreto, innescato dal fatto che ci sono donatori, anche storici, che a causa della difficoltà economica non possono per esempio più permettersi di chiedere la giornata di ferie per venire a donare. Accade anche qui da noi. Tutti i giorni. Per fortuna, però, i nostri numeri sono ancora assolutamente tranquillizzanti».

Per altro, ad impedire iniziative come quelle denunciate a livello nazionale c’è lo statuto degli avisini. Gli articoli 1 e 2 richiamano con forza il valore per ogni socio della donazione gratuita e non remunerata. E anche l’articolo 4 del regolamento nazionale invita ogni socio "ad un’ opera di promozione della donazione di sangue volontaria, anonima, gratuita e associata".

19 Luglio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000