il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


DOVERA

Dopo la statua della Madonnina, via i fiori

Nuovo furto all'oasi del fontanile Rì

Dopo la statua della Madonnina, via i fiori

La nicchia da dove era stata sottratta la Madonnina

DOVERA — L’oasi del fontanile del Rì di nuovo nel mirino dei ladri. Rubata la statua della Madonnina per ben due volte, ora i ladri (o il ladro) si è preso anche i fiori che decoravano l’area. Con ogni probabilità il nuovo blitz è avvenuto giovedì 5 giugno. I vandali avrebbero tentato di staccare di netto la fioriera che è agganciata alla grossa bacheca, senza però riuscirci. E a questo punto si sarebbero accontentati dei vasi con le piantine. L’allarme è scattato quasi subito, perché pur essendo il luogo abbastanza isolato, nella campagna di Barbuzzera, molti sono i ciclisti e gli amanti della passeggiata che si recano per una boccata d’aria proprio qui.

 «Qualcuno ha preso questo luogo, come il suo supermercato personale — commenta rassegnato Angelo Mainardi, consigliere dell’associazione Amici dei Fontanili che hanno di fatto realizzato l’oasi —: il furto ha davvero gettato lo sconforto su tutti noi. Non siamo più convinti di quello che facciamo, riparando ai continui atti vandalici». In forse anche il riposizionamento della statua della Madonna nella nicchia sulla riva del fontanile, che da domenica avrebbe dovuto ritornare al suo posto dopo la sottrazione avvenuta il giorno della festa della Repubblica.

«Non cancelleremo la manifestazione che si terrà domenica 8 giugno, dopo la messa alle 11.30 — annuncia Mainardi —: poseremo la nuova Madonnina al suo posto originale, il parroco don Cristiano Alrossi impartirà la benedizione, ma poi valuteremo se lasciare l’effigie sacra in questo luogo. Non vorremmo ritrovarci per l’ennesima volta a fare la conta dei danni».

La decisione verrà rivelata durante la stessa manifestazione di domenica. L’annuncio verrà fatto dalla presidente Silvia D’Alessandro, che dallo scorso anno guida gli Amici dei Fontanili, prendendo il testimone da Luigi Ghilardi. Tra l’altro è stata proprio una persona vicina all’associazione che ha versato il contributo per l’acquisto della nuova statua della Madonna, che da Caravaggio approderà a Barbuzzera per la posa e la benedizione. E sarebbe un peccato correre il rischio di un nuovo furto.

06 Giugno 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000