il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Autovelox in via Persico, primi verbali

Beccato a 120 all'ora, multa record

Autovelox in via Persico, primi verbali

L'autovelox in via Persico

CREMONA - Fioccano i primi verbali legati al nuovo Autovelox di via Persico. E in alcuni casi la sanzione in arrivo al domicilio degli automobilisti indisciplinati (decine quelli multati nel corso della prima settimana di controlli con l’«occhio elettronico») sarà una mazzata.

Un esempio? Nelle scorse ore la polizia locale ha notificato una multa al titolare di un’auto che è sfrecciata davanti a quell’Autovelox a 120 chilometri orari. La sanzione — molto salata: da 821 euro più le spese di notifica — sarà accompagnata dal ritiro della patente (tra i sei e i dodici mesi). Questo prevede il Codice della Strada quando il limite di velocità viene superato di oltre 70 chilometri orari (in quel tratto di via Persico la velocità massima è stata fissato a 50 chilometri orari).

 In queste ore è venuto a galla anche un altro elemento saliente: una quota rilevante di questa prima infornata di sanzioni è scattata nelle ore notturne. L’impianto, in effetti, è attivo 24 ore al giorno. Detto in altri termini: se un automobilista ha pensato che il buio rappresenti una sorta di via libera, ha fatto male i propri conti. Anzi il buio, per certi versi, aumenta le possibilità di essere sanzionati. Adesso che molti automobilisti prendono dimestichezza con il nuovo ‘occhio elettronico’, il fatto che i controlli scattino anche con il buio è destinato a pesare per un motivo molto semplice: sono meno visibili, per chi si avvicina, i segni dei rilevatori posizionati sull’asfalto, dai quali parte l’impulso per lo scatto della foto se il veicolo transita (in entrambi i sensi di marcia) dai 56 chilometri orari in avanti (le norme prevedono una tolleranza del 10 per cento, con un minimo di 5 chilometri orari).

Secondo parecchi residenti in quella porzione della città, l’effetto Autovelox è già evidente. A giorni si dovrebbero avere — oltre a un computo preciso delle sanzioni — anche i dati sul calo delle velocità medie. A suo tempo le lamentele dei residenti sulla velocità dei mezzi in transito hanno trovato conferma nelle verifiche condotte dai tecnici comunali. Da lì la decisione di intervenire con una mossa forte.

L’Autovelox di via Persico è un gioiello tecnologico. Come detto, i sensori sono posizionati nell’asfalto: quando la velocità del veicolo in transito è oltre il limite, l’impulso arriva alla macchina, molto sofisticata, che gestisce la fotografia su entrambe le corsie. Quando lo scatto viene fatto frontalmente, per garantire la massima privacy, le persone all’interno del veicolo sono coperte, fin dallo scatto, da una banda nera».

 

07 Giugno 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000