il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Pendolari esasperati, stipati come sardine

Gli utenti si spostano in prima classe, discussione con il controllore

Pendolari esasperati, stipati come sardine

Pendolari alla stazione di Cremona

CREMONA -  Nemmeno a farlo apposta nelle ore immediatamente successive al mercoledì del debutto del secondo Vivalto, è stato un nuovo giorno di disagi, rabbia e proteste lungo la linea ferroviaria per Milano. Oltre ai ritardi, comuni praticamente a tutti i convogli del mattino e della sera, sul ‘2648’ delle 6,58 per il centro meneghino, la comprensibile esasperazione dei pendolari cremonesi e mantovani è esplosa non tanto per lo sforamento della tabella di marcia quanto per le condizioni di viaggio: «Stipati come sardine, non è vita questa» si sono lamentati i passeggeri.

E stando a quanto si è appreso, con gli animi accesi c’è stato un confronto piuttosto franco, sul filo dei nervi, con un controllore. Cosa è accaduto lo spiega uno dei presenti: «Con le carrozze già piene zeppe a Codogno e senza più posto nemmeno negli spazi divisori - ricostruisce i fatti anche in Facebook - abbiamo raggiunto, per protesta e per dare un segnale, i vagoni di prima classe, come sempre semi vuoti. E lì ci siamo seduti. L’operatore di Trenord, anzichè capire la situazione, pur vedendo tutta la gente in piedi nel resto del convoglio, ha voluto prendere comunque posizione, invitandoci ad andare e sostenendo, fra l’altro, che noi pendolari della ‘Mantova-Cremona-Milano’ abbiamo sempre qualcosa da dire, siamo recidivi e andiamo in prima classe volontariamente. Qualcuno di noi, ascoltata quella dichiarazione, l’ha interpretata come una provocazione e ha reagito».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

06 Giugno 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000