il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Scritte NO TAV al quartier generale di Galimberti

Secondo episodio in due settimane: anche Perri solidale con l'avversario politico

Scritte NO TAV al quartier generale di Galimberti
CREMONA - Raid vandalico nella notte contro la sede del comitato elettorale di Gianluca Galimberti: sulla vetrina sono comparse scritte NO TAV. Si tratta del secondo episodio del genere: già due settimane fa scritte analoghe erano state tracciatre all'esterno del quartier generale del candidato sindaco del centrosinistra. In entrambi i casi gli imbrattamenti sono stati prontamente ripuliti. Grazie alle telecamere di sorveglianza che presidiano la zona, nel cuore della città, si spera di risalire ai responsabili. "Per affermare le proprie idee non bisogna imbrattare muri e vetrine - commenta Galimberti -, ma bisogna imparare dialogo e regole di democrazia. La nostra esperienza continua ad affermare questo: che la nostra città e il nostro paese hanno bisogno di dialogo, rispetto delle regole della democrazia e di chi la pensa diversamente".  Galimberti ha ricevuto la solidarietà dell'avversario Oreste Perri che si è recato in largo Boccaccino per condividere lo sdegno nei confronti dell'atto vandalico: "Ho appreso di quanto accaduto la notte scorsa al comitato elettorale 'Fare Nuova La Città' di Gianluca Galimberti, un atto di inciviltà verso il quale va tutta la mia condanna, si colpiscono con atti vili, persone che stanno impegnando tempo ed energie per mettersi al servizio della città. Spero che la campagna elettorale continui in modo corretto e pulito, attraverso un confronto di idee aperto e nel rispetto reciproco. Esprimo la mia solidarietà a Gianluca Galimberti e a tutto il suo staff".

23 Aprile 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000