il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PALAZZO PIGNANO - SESTO CREMONESE

Carambola sulla Paullese, non ce l'ha fatta Andrea Tonelli

Il 20enne di Palazzo Pignano è deceduto in ospedale, l'incidente si era verificato venerdì 29 novembre

Carambola sulla Paullese, non ce l'ha fatta Andrea Tonelli

Andrea Tonelli e la scena dell'incidente

PALAZZO PIGNANO/SESTO - Non ce l'ha fatta Andrea Tonelli, 20enne di Palazzo Pignano rimasto coinvolto nel tremendo incidente di venerdì 29 novembre sulla Paullese all'altezza di Sesto. Il ragazzo è deceduto all'ospedale di Cremona, dove era stato ricoverato in gravi condizioni dopo lo schianto. Tonelli era alla guida della Ford C-Max e le sue condizioni erano sembrate disperate fin dai primi momenti. I funerali di Andrea saranno mercoledì alle 15 a Palazzo Pignano.

Il grave incidente si era verificato poco prima delle 11.30 di venerdì 29 novembre sulla Paullese e aveva coinvolto tre mezzi. Quattro persone sono rimaste ferite: Tonelli e un'altra persona in maniera seria. Stando alle ricostruzioni della dinamica del sinistro, un furgone si era scontrato frontalmente con una Ford C-Max. Il primo mezzo si era ribaltato a cavallo di un fosso e la vettura era andata quasi distrutta: l'impatto era stato talmente violento che il motore della Ford si era staccato. Nell'incidente era rimasta coinvolta anche una Toyota Aygo con a bordo due donne, entrambe ferite in modo non grave. La Paullese era rimasta bloccata per consentire i soccorsi, il recupero dei mezzi e la messa in sicurezza della sede stradale, creando inevitabili code e disagi.

Leggi di più sul giornale in edicola martedì 3 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Dicembre 2013

Commenti all'articolo

  • PFG

    2013/12/03 - 10:10

    Fa pensare ad un sorpasso azzardato (del furgone, della ford?) come ne vedo tanti, e qualcuno l'ho pure schivato. Concordo appieno con stefano.

    Rispondi

  • stefano

    2013/11/28 - 14:02

    malori o guasti tecnici a parte, troppa velocità, troppa imprudenza e troppo menefreghismo della vita altrui e quindi anche propria. questa è la prima impressione, ahimè amara e tristissima. Allora si possono costruire anche le strade più belle e più grandi al mondo, ma se non si capisce questo, a nulla serviranno per eliminare la piaga dei morti, e feriti per strada. Anzi, a mio avviso, aumenteranno sempre più. Parimenti i divieti di velocità posti sulle varie circonvallazioni. Nonostante il netto miglioramento della circolazione con la costruzione del nuovo rondò della via mantova, anche lì ahimè recentemente vidi ben due incidenti. La gente forse, con la scusa di strade più nuove e larghe, pensa di "viaggiar più veloce con maggior sicurezza", anziché andar comunque piano

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000