il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Addio al cartolaio Bergonzi, liutaio per passione

Addio al cartolaio Bergonzi, liutaio per passione

Antonio Bergonzi

CREMONA - Dopo una lunga malattia, è morto lunedì a 81 anni Antonio Bergonzi, cartolaio e libraio, poi anche ‘liutaio per passione’. Conosciuto e stimato, era uomo di cultura. Dotato di grande ironia, autodidatta e uomo di spessore. Attentissimo a quello che succedeva in città dal punto di vista commerciale ma anche urbanistico. Era stato consigliere comunale per il Pri negli anni Settanta, aveva scritto alcuni libri. Ma la dura gavetta che i bottegai facevano non l’ha mai dimenticata. Tutta la storia della sua vita l’ha raccontata nel libro ‘I Mèe’: un inno al lavoro e ai sacrifici attraverso la vita dei suoi genitori. E in quel libro c’è una significativa immagine dell’autore, fotografato nel giorno della prima comunione accanto allo zio Piero, titolare della cartoleria Moschetti di corso Garibaldi dal 1919. Nel 1933 la cartoleria passerà a Giovanni, padre di Antonio, e alla mamma Elsa. Successivamente Antonio si trasferì in corso Mazzini. La passione per la liuteria l’ha trasmessa al figlio Riccardo, direttore degli Swingers che ha la bottega in corso Garibaldi, accanto a quella che fu la libreria Moschetti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

23 Aprile 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000