il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Piano anti zanzare addio: mancano i soldi

Piano anti zanzare addio: mancano i soldi

Una zanzara tigre

CREMONA - C’era una volta il piano anti-zanzare. Quella serie di interventi mirati su parchi, strade, corsi d’acqua e tombini presenti nelle aree comunali sui quali la stessa amministrazione interveniva per ridurre al minimo la proliferazione dei fastidiosi insetti. Adesso, salvo novità dell’ultima ora, il comune farà poco e niente e i cittadini divranno arrangiarsi da soli. Ancora una volta la mancanza di risorse presenta il conto.
In realtà i privati possono molto per contrastare la proliferazione delle zanzare. Una delle contromisure più a buon mercato è inserire nei tombini vicino a casa delle quantità di sapone da piatti: i tensioattivi galleggiano e creano uno strato che impedisce l’ossigenazione dell’acqua, essenziale per la crescita delle larve. Altre misure sono più costose. Ad esempio la presenza di piante quali la catambra, che allontana gli insetti. Oppure, per chi se la sente, le bat box, le casette di legno per i pipistrelli che eliminano gradi quantità di zanzare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

17 Aprile 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000