il network

Lunedì 29 Maggio 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


INIZIATIVE

San Valentino, ecco i componimenti dei vincitori

San Valentino, ecco i vincitori: festa all'Ipercoop domenica 19

CREMONA - Ecco gli elaborati dei nostri lettori che sono stati premiati per l'edizione 2017 del gioco, organizzato dal giornale la Provincia, dedicato a San Valentino.


I PREMIATI

LETTERE

Il mondo nel tuo sguardo
Vedi l'aurora brillare
al primo battito del sole,
il tramonto infuocato
al crepuscolo del giorno,
l'ampiezza del cielo
perdersi nelle tue pupille,
l'infinito del mare
avvolgerti il cuore.
Vedi la luce degli astri
nelle galassie dell'universo,
lo splendore accecante
della sabbia nel deserto,
i colori dei fiori
appena sbocciati,
i tratti delicati
dell'arcobaleno appena nato.
Vedi i fiocchi di neve
splendere come cristalli,
stendersi sui prati
come batuffoli fragili,
angeli bianchi
nella notte silenziosa.
Vedi la rabbia dei vulcani,
lapilli di emozioni,
coriandoli accesi
dal tocco del tuo amore.
Vedi il torrente del tempo,
il flusso calmo del presente,
lacrime di rugiada
sul mio volto,
la tenerezza del mio sorriso,
la brezza di un bacio
sui tuoi capelli.
Vedi i tuoi occhi
specchiarsi nei miei,
i miei occhi
specchiarsi nei tuoi.

Silvio Rigoni (Cremona)

Tu sei la parte migliore di me
Quando ho un momento di smarrimento
la serenità mi invade
sapendo che tu esisti
quando ho un momento di malinconia
tutto diventa allegro
sapendo che tu esisti
tu sei fuoco
che arde dentro me
terra
dove mi accoccolo ad ascoltare il ritmo della vita
aria
per sentirmi libero di amare senza confini
acqua
per dissetarmi dal desiderio erotico dell'amore
tu sei
l'universo che mi circonda
tu sei
il concerto della mia vita
tu sei
la parte più bella di me

Lorenzo Pellegrini (Capralba)

La bambolina
Nell’angolo della vetrina
ho messo la vecchia bambolina,
un regalo della mamma
di quand’ero piccolina.
Cappellino di paglia e capelli ramati,
era la compagnia di quei giorni passati.
Così tanto c’ho giocato
che il vestitino rosa
col tempo s’è logorato.
Poi, con un ritaglio del mio abito da sposa,
gli ho rifatto la vestina la vestina bianca e non più rosa.
Da allora ogni anno, su quella vestina
aggiungo sempre una perlina.
Oggi ne conto 52, anni felici
vissuti in due.
E quell’abitino,
sempre più arricchito,
è come il nostro amore
che non è mai finito.

Enza Ceni (Cremona)

PENSIERI D’AMORE

Vorrei abbracciare il mondo, non lasciare indietro nessuno, stringere tutti ad uno ad uno.

Vorrei consolare chi l'amore non l'ha mai conosciuto e chi l'ha conosciuto e perduto, vorrei gioire con chi lo ha ritrovato e con chi la prima volta lo ha incontrato.

Non si può vivere senza amore, tutti ne abbiamo bisogno: ne ho bisogno anch'io.

Vorrei durasse per sempre.

Buon San Valentino

Rosamaria Rossi (Cingia de' Botti) Quarantasei anni insieme

Come un gioiello brilli ancora

davanti ai miei occhi logorati dal tempo che passa,

ma il mio cuore palpita sempre di gioia

come quel giorno.

Anche il sole ci guardava

come per dire:

"Oggi faccio festa con voi!

E vi auguro che il vostro amore

sia come la primavera

che dà vita ad ogni cosa"

Grazie di esistere!
Tullio Ferraroni (Cremona)

Sei una gioia!
Vederti
mi fa capire quello che provo…
Sei una tempesta
che mi ha stravolto.
Sei un sentimento terribile,
ma sopportabile.
Sei una meraviglia
per i miei occhi…
Sei tutto ciò che provo.
Vederti mi fa cadere
fra le nuvola…
Sentimento bellissimo
che mi stravolge la vita.

Yannik
(Trescore Cremasco)

SMS


Per un amore impossibile
So che odiarti è una pazzia
So che amarti è una follia, ma voglio star sempre con te Anima mia.
Buon San Valentino
Anonimo (Castelverde)

Mia cara...
Per me rimani il fiore più bello che sboccia alla sera, quando tutto il resto del giardino è ormai addormentato.
Fabrizio (Sesto ed Uniti)

Moglie mia
Il nostro amore in tre parole.
Ieri: troppo da raccontare.
Oggi: non è ancora finito.
Domani: ti amerò ancora.
Ludi

PREMI SPECIALI

Ironia

Lettera d’amore ai miei ex
Cari miei ex,
mi mancate!
Perdonatemi se ho iniziato a "tradirvi" più di vent'anni fa....
In fondo mi facevate compagnia quando mi sentivo sola, mi tenevate al caldo durante i rigidi inverni come questo e,
stretta a voi mi accoccolavo nei lunghi pomeriggi chiusa in casa a studiare.
Eravate la mia corazza che mi difendeva, proteggendo il mio cuore dall'ennesima delusione d'amore.
Perdonatemi se vi ho sempre visto come un ostacolo, che mi ha impedito di conquistare il cuore del biondino conosciuto quell'estate al mare.
D'altronde cosa potevate pretendere da una bambina degli anni '80, cresciuta a pane e Barbie ?! Ogni bambina desiderava essere come lei,
bionda, bellissima e magrissima, per poter conquistare il proprio Ken o principe azzurro di turno.
Ma son passati tanti tanti anni e Ken, in fondo, non l'ha ancora sposata... la sua Barbie, tutta sola nella sua villa a Malibù!
Quando penso a voi, guardandovi nelle mie vecchie foto, provo una sincera affezione e un pizzico di nostalgia....
A pensarci bene erano gli altri intorno a me che mi incitavano ad odiarvi e a eliminarvi dalla mia vita, ma io vi ho sempre amato!
Perchè facevate, fate e farete sempre parte della mia anima e quella, cari miei, proprio non si cambia!
Quindi sì, mi mancate!
Cari miei ex... cuscinetti di grasso!
Comunque alla fine anch'io ho trovato il mio principe azzurro, il mio Ken, non su di un cavallo bianco o su di una Ferrari,
ma su un trattore! E non provvisto di addome bisteccato/tartarugato, ma dotato di una bella e naturale panza.
Perché come si dice: ‘Uomo di panza, uomo di sostanza!’ E poi chi si somiglia, si piglia....
Quindi grazie per avermi aiutato a crescere e a trovare il vero amore,
sarete sempre i benvenuti!
Con amore,
vostra palletta.
Federica Foglia
(Soncino)


Dialetto
Inamuràat de ‘na ‘olta

‘Nà màma
setida zù en sö ‘na scrègna
en pütél en bràs, ön scòos e ön strenzìit vezén
cu didrée en mùc de lègna.
Futugrafìa vécia de ‘na ‘olta.

Anca ‘na ‘olta
l’era la festa de j’inamuràat
e se ‘na ‘olta, per San Valentén,
la vurìa tàant bèe a quaidön,
dopu quai àn, la ‘urìa amò bèe,… ma trè ‘olti tàant!
Luciano Galli (Soresina)

Ricordi
Auguri grande stravecchio
Non ho mai trovato la forza di scrivere una lettera al mio papà, forse per soggezione o forse per troppo amore. Ma adesso ho trovato forza e coraggio per farlo, mi sono messa qui e l’ho scritta. Non esiste un altro uomo così caro come te, con la tua bontà, la saggezza e la tua voglia di vedere tutti contenti.
Ti conosco bene, mi hai messo al mondo e mi vuoi tanto bene. Anche io ti voglio bene papà con il cuore, con l’anima e con tutti i miei anni, un amore grande, profondo e fatto di tante piccole cose, tanti ricordi e qualche dolore. Mi ricordo quando ero piccola prima di te arrivava in casa l’odore di carbone, carbone di ferrovia, nero, ma per me aveva un odore speciale, l’odore del mio papà.
Quando è nato Mario mi hai detto di andare sul balcone per vedere se arrivava la cicogna e in un piattino mi avevi messo un po’ di caramelle e bombonini. E poi papà il primo cagnolino bello, piccolino, sembrava un ciuffo di cotone tant’era morbido, e quante levatacce per portarlo a spasso presto in riva al Po, io e te in bicicletta.
Quando mi sono sposata, ti ricordi anche tu vero? Quando sono arrivata in chiesa mi hai detto: ‘Vieni torniamo indietro che siamo ancora in tempo’. A me è venuto da ridere, ma tu tutto serio hai detto che non era importante, andiamo tutti a mangiare lo stesso, ma tu stasera dormi ancora nel tuo letto.
Il giorno che sei diventato nonno lo ricordi anche tu vero, mi hanno detto che quel giorno ti hanno asciugato il borsello a forza di bagnare questa nipote che finalmente era arrivata! Ricordo ancora il dolore che avevi negli occhi il giorno che è morto il nonno. Non avrei mai voluto vederti così con gli occhi rossi, gonfi, e tanta pena nel cuore. Ecco, ho finito, potrei andare avanti fino a domani mattina a scrivere su te, ma mi è venuto un po’ di magone e qui, proprio qui sul foglio mi è caduto un lacrimone.
Tanti auguri grande stravecchio per i tuoi meravigliosi 90 anni. Buon San Valentino.
Francesca Baietti Rossini (Cremona)

19 Febbraio 2017