il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO LEGA PRO

A Piacenza la Cremonese infila la seconda vittoria

La partita finisce 2 a 3, restano i dubbi intorno alla difesa grigiorossa

Pro Piacenza-Cremonese (ore 18,30)

Mister Attilio Tesser

PIACENZA - La Cremonese esce indenne dal campo di Piacenza battendo la Pro guidata dall’ex Fulvio Pea. La squadra di Tesser infila la seconda vittoria consecutiva ma la buona classifica dei grigiorossi non elimina i dubbi che aleggiano attorno alla difesa. Con una partenza sprint infatti la Cremonese si porta sul 2-0 con Stanco e Moro (al loro primo gol in grigiorosso) dopo  un quarto d’ora, ma dietro si soffre troppo la velocità degli attaccanti locali che nel giro di tre minuti ristabiliscono la parità. Prima con Pesenti su rigore (fallo di Marconi) e poi con Marchionni. La solidità della Cremonese però va oltre queste pericolose sbandate e tocca al solito capitan Brighenti firmare il successo per 3-2. Nella ripresa il risultato non cambia più. Cremonese che resta nella scia della capolista Alessandria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

LA PARTITA IN PILLOLE

  • 90': Cinque minuti di recupero
  • 84': Cavalli (Pro Piacenza) viene espulso
  • 83': Pro Piacenza guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere
  • 78': Stanco (Cremonese) commette un fallo di mani
  • 73': Sostituzione nella Cremonese. Entra Cavion esce Perrulli
  • 69': Brighenti (Cremonese) finisce in fuorigioco
  • 64': Pro Piacenza guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 61': Sostituzione nella Cremonese. Entra Polak esce Moro
  • 53': Pro Piacenza guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 50': Tiro fuori di Marchionni (Pro Piacenza)
  • 48': L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Porcari (Cremonese) su Gomis Kalagna (Pro Piacenza)
  • Inizia il secondo tempo
  • Fine primo tempo
  • 45': Pro Piacenza guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 40': Pesce (Cremonese) commette un fallo di mani.
  • 37' TERZO GOL PER LA CREMONESE: in rete Brighenti
  • 35': Tiro fuori di Perrulli (Cremonese)
  • 34': Cremonese guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 30': Stanco (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
  • 28': Bini (Pro Piacenza) viene ammonito
  • 24': L'arbitro giudica irregolare l'intervento di Perrulli (Cremonese) su Marchionni (Pro Piacenza)
  • 21 SECONDO GOL PER PRO PIACENZA: Marchionni sull'importante assist di Sane
  • 19' GOL PER PRO PIACENZA:  dal dischetto Pesenti (Pro Piacenza) non sbaglia e mette la palla in rete
  • 15' SECONDO GOL PER LA CREMONESE: Rete segnata da Moro
  • 8' GOL PER LA CREMONESE: Perrulli apre per Brighenti, che rientra e si appoggia a Salviato. Cross dalla destra per Stanco che in tuffo di testa non perdona (1-0)
  • 6': Marchionni serve Rossini sulla destra cross basso insidioso, Lucchini mette fuori
  • 4': Brighenti sfiora il palo più lontano
  • 2': Gemiti a terra per infortunio abbandona il campo, entra Procopio
  • 1':  Inizia il primo tempo

CREMONA — Una squadra costruita per salvarsi il prima possibile, o comunque evitando i playout, contro una squadra costruita per arrivare in alto.

Il clone del derby di Piacenza, nel senso che derby non lo è davvero, mette di fronte due squadre che hanno bisogno di fare punti alla svelta per motivi diametralmente opposti.

La Cremonese questa sera (ore 18,30) affronta il proprio recente passato che di nome fa Fulvio Pea. Il tecnico di Casalpusterlengo ha in mano una rosa composta da qualche vecchia conoscenza della Lega Pro unita a qualche ragazzo che in categoria comincia a farsi le ossa. Un gruppo meno attrezzato sulla carta rispetto a quello che allenava un anno fa a Cremona, ma che già segue a menadito la mentalità del proprio allenatore. Tanto sacrificio e tanta rottura di gioco per evitare di essere preso a pallate. Il calendario non è stato molto generoso con gli emiliani che nel giro di tre settimane affrontano, dopo la corazzata Alessandria, un’altra squadra quotata per giocarsi il campionato.

A parti invertite, per la Cremonese si preannuncia una gara di pazienza e intelligenza, un po’ sulla falsariga del primo tempo di Viterbo. L’Alessandria ha fatto bottino pieno a Piacenza ma dopo aver insistito per 80 minuti. Il calcio di Pea non ha bisogno di presentazioni e la Pistoiese domenica scorsa ne ha avuto un assaggio (ko per 2-1 in cinque minuti).

Per la squadra di Tesser quindi un esame su due fronti: da una parte sa che dovrà cercare il varco giusto per sorprendere la retroguardia del Pro Piacenza, ma dall’altra dovrà evitare di incassare ripartenza in stile Renate.

Alla terza giornata comunque è lecito attendersi un ulteriore passo avanti della squadra grigiorossa. Con il senno di poi i primi due impegni di campionato sono stati illuminanti, importanti per capire dove e come intervenire. Senza tralasciare il fatto che la squadra di Tesser sta cominciando a mostrare tutto il suo valore quando deve gestire la palla e la gara in generale.

Domenica scorsa la squadra grigiorossa non ha quasi mai buttato palla avanti, ma ha saputo proporre una manovra ragionata, a volte veloce, a volte meno, ma comunque in grado di tenere la difesa avversaria in continua apprensione.

La trasferta di oggi sulla carta dovrebbe offrire un copione simile, con i grigiorossi proiettati in avanti per cercare di chiudere la gara. Tesser può contare sull’intero gruppo e quindi ha solo l’imbarazzo della scelta. Già preannunciato il rientro di Gemiti sulla fascia sinistra, non dovrebbe cambiare il resto della formazione anche se, come ha preannunciato il tecnico grigiorosso, si inizia un mini ciclo di tre gare in sette giorni che imporrà un po’ di turnover.

Al di là della tattica e del modo di giocare del Pro Piacenza, la Cremonese come obiettivo ha quello di mantenere inalterata quanto meno la distanza dalle squadre che in classifica sono partite a punteggio pieno nei primi 180 minuti della stagione. (i.gh.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO VIDEO

11 Settembre 2016

Commenti all'articolo

  • Mino

    2016/09/12 - 08:08

    Un'altra vittoria che non dissipa i dubbi da tempo evidenziati. Fra Coppa Italia e campionato, 12 reti fatte contro 11 subite. Coraggio Giammarioli, faccia uno sforzzo, Lichsteiner e' ancora sul mercato!?!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000