il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA, PROCESSO JULIETTE

I Pizzi chiedono la revoca dell'obbligo
di dimora. L'avvocato: misura afflittiva

Incaricato un consulente per trascrivere le 1200 intercettazioni

Caso Juliette 96, il pm chiede il giudizio immediato

L'ingresso del Juliette 96 di via Mantova

CREMONA - Al Juliette può lavorare dalle otto del mattino alle otto di sera. Ma dalle otto di sera alle otto del mattino non può metterci piede, perché per il pm Francesco Messina vi è il rischio che nelle ore notturne possa reiterare i «gravi reati». Da qui il parere non favorevole espresso dal pm all’istanza di revocare la misura dell’obbligo di dimora a Gianluca Pizzi, titolare, con il cugino Marco Pizzi, del locale dei vip di via Mantova. L’istanza, sui cui il tribunale si è riservato di decidere, è stata presentata oggi dai difensori di Gianluca Pizzi all’udienza numero tre del processo (giudizio immediato) a carico anche di Marco Pizzi, accusato con il cugino di aver organizzato per i clienti che lo richiedevano, serate di cocaina e sesso a pagamento con le escort. 
"La misura cautelare attuale dell’obbligo di dimora è afflittiva" hanno detto al presidente Maria Stella Leone e ai giudici Francesco Sora ed Elisa Mombelli, gli avvocati Massimo Nicoli e Giacomo Nodari, legali di Gianluca Pizzi. 
Sempre stamattina il collegio giudicante ha conferito l’incarico al consulente del tribunale Giovanni Pirinoli che dovrà provvedere alla trascrizione delle 1200 intercettazioni telefoniche e qualcuna ambientale.  

29 Marzo 2016

Commenti all'articolo

  • koglione

    2016/03/30 - 10:10

    credo siano più "afflitte" le famiglie di quelle ragazze, se il liberismo è adorazione del denaro e sottomissione ai "potenti" non mi piace, si potrebbe avere indietro un pochino di comunismo e di dignità?

    Rispondi

  • Giovanni

    2016/03/30 - 08:08

    Vanno bene le misure cautelari ma se la giustizia avesse ritmi più veloci si eviterebbe la prescrizione di molti reati.

    Rispondi

  • mario

    2016/03/30 - 06:06

    MIsura.... afflittiva??? Ma stiamo dando i numeri???? Questi spacciavano droga e favorivano la prostituzione!! Cosa gli devono dare, un viaggio premio alle Maldive????

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000