il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY A1 FEMMINILE

Pomì, a Firenze arriva il bottino pieno (3-0)

La squadra di Barbolini, pur senza brillare in attacco, torna al successo in campionato (25-18; 25-16; 25-23)

Bisonte Firenze-Pomì Casalmaggiore (ore 18)

La grinta di Valentina Tirozzi

FIRENZE - La delusione di Coppa Italia è ormai alle spalle; alle 18 la Pomì Casalmaggiore affronta le toscane del Bisonte al Mandela Forum in un match sulla carta senza storia. Poco pubblico sugli spalti del Mandela Forum e dopo l'Inno alla Gioia per commemorare le vittime degli attentati di Bruxelles scendono in campo le formazioni: Pomì in schieramento-tipo mentre Firenze ricalca le previsioni della vigilia schierando Pietrelli in posto 4 con Perinelli, Negrini e Vanzurova in panchina.

1 set - dopo il minuto di silenzio la Pomì prova a semplificarsi subito la vita più grazie al muro che all'efficacia dell'attacco per l'1-4 di Tirozzi ma fatica a togliersi di dosso le toscane aiutate dai mani out di Pietrelli per il 4-6. Se l'attacco non dà troppe soddisfazioni muro e difesa rimediano con profitto e i due vincenti di Gibbemeyer uniti all'errore di Krsmanovic valgono il 5-10 del time out Vannini. Le toscane vanno in rottura cancellate dal campo dal muro della Pomì che quando trova anche la diagonale di Kozuch scrive il 6-16 dell'errore di Vanzurova (entrata per Turlea). Vannini ferma ancora i giochi sul 7-17 e Vanzurova prova a rendere meno amaro il parziale obbligando Barbolini al time out sul 14-21. A togliere la Pomì dall'imbarazzo ci pensa il solito muro-vincente (7 nel set) che lancia la volata sino al 18-25 dell'1-0 "rosa".

2 set - i sussulti del finale di primo set vengono presto archiviati da un ottimo inizio di secondo set (con Vanzurova che resta per Turlea) con il muro ancora bravo a far da traino per il resto dei fondamentali. Tirozzi è in versione "happy birthday" (30 anni oggi) e ci mette qualche fendente e l'ace per il 3-10 che ha già panchinato Pietrelli per Perinelli. La sospensione arriva sul 4-12 ma Firenze prova a ridurre grazie al consueto passaggio a vuoto del cambio-palla casalese per il 7-12 prima che siano un paio di errori a ridare tranquillità alle "rosa" per il 7-14. E' l'attacco al centro a valere un paio di colpi ben assestati in contumacia dei laterali e quando Lloyd trova la palla giusta anche in 4 per Tirozzi il tabellone segna il 13-20. Gibbemeyer a muro e Stevanovic dai nove metri mettono in ghiaccio il 2-0 certificato dal tocco di seconda di Lloyd sul 16-25.

3 set - altra partenza sprint per le campionesse d'Italia che obbligano le toscane a rischiare e sbagliare per lo 0-5 d'avvio. L'ennesimo muro subito manda in panchina Vanzurova per Pietrelli sul 2-7 con Firenze apparentemente già fuori dal match e invece la Pomì pensa di omaggiare le avversarie con i due errori che riducono il gap sino al 5-7 prima che Turlea scriva il 4-0 di parziale per il 6-7. Kozuch completa l'opera pestando da seconda linea (che le immagini non confermano) per l'8-8 del time out Barbolini. Come sempre, con l'attacco ancora in evidente difficoltà, è il muro a fare la differenza e i tre pressoché consecutivi conducono al 9-12 della sospensione. Vannini mette le mani a T sul 10-14 e Firenze arriva di nuovo a contatto sul 14-15 prima di impattare nuovamente sul 15-15. Tirozzi, ancora una volta battendo da posto 5 alla destra di Parrocchiale in posto 1 centra l'ace del 16-19 con l'intento di dare la spallata decisiva al match  ma l'inefficacia offensiva tiene lì il Bisonte. Piccinini lascia il campo a Bacchi dopo l'ennesimo attacco out ma è una decisione arbitrale invertita (muro dato out e poi in) a chiudere il match perchè dal 23-22 si è passati al 22-23 che Gibbemeyer ha rimpinguato al servizio con l'ace che ha consentiso a Stevanovic di chiudere col primo tempo del 23-25.

Una Pomì poco brillante in attacco fa bottino pieno in tre set grazie al muro ed alla buona prestazione in seconda linea. Ora si attende il risultato di Piacenza-Novara (20.30) per continuare a cullare il sogno-sorpasso al secondo posto.

26 Marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000