il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La madre di Michele in procura

Eseguita l'autopsia sul corpo del 41enne. Il difensore del romeno indagato: si faccia vivo con me, è nel suo interesse

 La madre di Michele in procura

CREMONA - Lunedì 22 febbraio il medico legale, Margherita Fornaciari, ha ricevuto l’incarico di eseguire l’autopsia sul corpo di Michele Barbisotti, il titolare di ‘MicheleCicli’, il negozio-officina di via Fabio Filzi, nel quale il quarantunenne si è ucciso nella notte tra mercoledì e giovedì scorsi, rivolgendosi il fucile da caccia, regolarmente denunciato. In procura insieme con l'avvocato Luca Curatti anche la madre di Michele Barbisotti.   
L’esame autoptico, cominciato alle 10 all’ospedale Maggiore, è stato disposto dal sostituto procuratore, Lisa Saccaro, nell’ambito del procedimento che vede indagato per istigazione al suicidio Ioan P., 32enne di origine romena che aveva trascorso la serata con Barbisotti prima che la tragedia si consumasse nel retrobottega. Lo straniero è assistito dall’avvocato Carlo Alquati, anche lui oggi in procura per partecipare al conferimento dell’incarico. Del romeno il difensore non ha notizie. "Vorrei dargli una mano, informarlo dei suoi diritti per scegliere la strategia - ha detto Alquati - non si è mai fatto vivo". Fornaciari si è presa 90 giorni di tempo per rispondere all'articolato quesito del pm. 

22 Febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000