il network

Martedì 19 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CREMONA

Mal’aria da allarme rosso
Stop al traffico inevitabile

Con oggi nove giorni con l'aria irrespirabile. Le Amministrazioni unite contro l’emergenza

Territorio due settimanenella ‘morsa’ dello smog

CREMONA - Noce giorni consecutivi, a oggi, con l’aria irrespirabile: Cremona e il circondario, come tutto il resto della Lombardia, sempre più stretti nella morsa della smog. Senza tregua e con valori di polveri sottili da allarme vero. Ed è con questo scenario, preoccupante, che oggi pomeriggio, a palazzo comunale, si sono confrontati sindaci e amministratori dei Comuni dell’area di rischio per definire l testo del protocollo anti-veleni che verrà sottoscritto ufficialmente venerdì prossimo e che ora deve essere adottato da ogni singola amministrazione: prevede misure aggiuntive rispetto a quelle stabilite dal piano regionale di risanamento dell’aria, in vigore fino al prossimo 15 aprile, e mira a garantire un segnale forte fondato dalla condivisione dell’ordinanza che viene diramata in caso di sforamento dei parametri dopo dieci giorni consecutivi.
Proprio quanto, presumibilmente, accadrà domani. E infatti, il dispositivo è già pronto per essere licenziato in mattinata: attende solo la firma del sindaco Gianluca Galimberti e contempla, oltre alle misure di contorno, il fermo dei veicoli Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 diesel, con questi ultimi che, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non sono pochi. In circolazione, infatti, ce ne sono ancora oltre tremila: 3782 per la precisione.

29 Gennaio 2016