il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO

Si è risvegliata dal coma
la donna indiana bruciata dal marito

Punita perché ‘troppo occidentale’. L'uomo accusato di tentato omicidio, è recluso nel carcere bresciano di Canton Mombello

Si è risvegliata dal comala donna indiana bruciata dal marito

Il carcere di Canton Mombello di Brescia

DELLO-SONCINO — Dopo un mese di coma farmacologico indotto, si è finalmente svegliata Parvinder Kaur. La ragazza, le cui condizioni appaiono in fase di progressivo, benché lieve, miglioramento non è ancora in grado di parlare e dunque bisognerà attendere almeno un’altra settima prima che possa incontrare il pubblico ministero Alessandra Panico, a capo delle indagini. La donna sarebbe stata punita dal marito perché ‘troppo occidentale’.
Il primo, grande, sollievo per la famiglia e in particolare per il fratello Jatt Aulakh, che lavora a Soncino e sempre nel borgo risiede il cugino. Jatt si era recato a Genova per assistere la sorella. Commosso, racconta: «Una settimana fa mia sorella ha aperto per la prima volta, per pochi istanti, gli occhi, dopo che i medici hanno cominciato a ridurre i sedativi che le avevano dato per sopportare il dolore. Adesso è ancora su quello stesso letto, separata dagli altri pazienti ma mi è stato permesso di vederla sabato per la prima volta e parlarle. Ha pianto dalla commozione in quei cinque brevi ma bellissimi minuti».
La madre della ragazza è tornata a Dello per prendersi cura dei figli più piccoli. Proprio nella cittadina bresciana sabato è stato organizzato un corteo per manifestare lo sdegno
Ajib Singh, il marito della donna, accusato di tentato omicidio, è recluso in attesa di giudizio nel carcere bresciano di Canton Mombello e si è fino ad ora rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda avanzata dal Gip.
Il pm Panico, nel frattempo, ha avanzato al giudice delle indagini preliminari Lorenzo Benini un’istanza di incidente probatorio per poter parlare con il maggiore dei figli di Parvinder, che ha solo quattro anni, e poter acquisire informazioni preziose per le indagini.

13 Dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000