il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SORESINA

Due campanili, una passione
Calcio per un derby d’antan

Castelleone e Soresinese non si incontravano da 10 anni: oltre 400 spettatori allo stadio

Due campanili, una passioneCalcio per un derby d’antan

I tifosi castelleonesi arrivati a Soresina in treno

SORESINA — Il conto alla rovescia i tifosi di Soresinese e Castelleone hanno iniziato a farlo dal giorno della stesura dei calendari, che fissava il derby proprio in chiusura del girone d’andata: dopo dieci stagioni di assenza, con i gialloblù costretti a un lungo purgatorio in Prima categoria, le due squadre tornavano finalmente ad affrontarsi in Promozione. E l’attesa non è stata vana.
Ieri pomeriggio allo stadio c’era mezza Soresina. E mezzo Castelleone. Ad iniziare dai due sindaci, Diego Vairani e Pietro Fiori, che hanno assistito al derby fianco a fianco in tribuna, in un clima festoso e di grandissima sportività. Sul campo l’ha spuntata - dopo una bellissima partita - la Soresinese, fuori hanno vinto tutti. Per l’occasione parecchi tifosi del Castelleone (circa una cinquantina) hanno scelto di coprire la manciata di chilometri che separa le due cittadine in treno, ma parecchi altri sono giunti al ‘Civico’ con mezzi propri. La tribuna di fatto era divisa a metà: da una parte la tifoseria di casa, munita di petardi e bandiere; dall’altra i tantissimi supporters ospiti, con sciarpe, bandiere, fumogeni e persino un megafono. Una coreografia d’altri stadi e altri tempi, mai trascesa in espressioni troppo volgari. Solo tanti incitamenti per i propri beniamini: ha vinto Soresina, ma Castelleone non ha perso. E di conto alla rovescia ne è già partito un altro, quello che separa le due tifoserie dal derby di ritorno. 

14 Dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000