il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Fondazione Stauffer cambia casa
Acquistato palazzo Stradiotti

L'edificio residenziale da tempo dismesso che si trova tra via San Martino, via Baldocca e vicolo Raimondi

Fondazione Stauffer cambia casaAcquistato palazzo Stradiotti

Palazzo Stradiotti

CREMONA - Un regalo di Natale per la città, la cultura, il futuro di tanti giovani musicisti che si formano a Cremona e che sono sempre più ricercati per le loro qualità. E soprattutto un immobile una volta di prestigio, ed ora in grave degrado, che restituito a funzioni di eccellenza. La Fondazione Città di Cremona, presieduta da Uliana Garoli e la Fondazione Stauffer, guidata da Paolo Salvelli ed Alessandro Tantardini, hanno annunciato la prossima intesa per il recupero di palazzo Stradiotti che diventerà sede dell’Accademia Stauffer, dove verranno concentrati i corsi di viola, violino, violoncello, contrabbasso e quartetto d’archi, ora disseminati in varie sedi, compreso il Ponchielli.

Oggi nella sede della Fondazione Città di Cremona, sono stati illustrati i dettagli di questa significativa operazione culturale, più che immobiliare, che fa parte di un più ampio progetto di ‘internazionalizzazione’ della Stauffer. La presidente Uliana Garoli, con evidente soddisfazione, ha spiegato che palazzo Stradiotti è un edificio residenziale da tempo dismesso e che si trova tra via San Martino, via Baldocca e vicolo Raimondi. In vendita dal 2011, ma senza acquirenti. La Fondazione Stauffer, che l’aveva addocchiato da tempo (addirittura ai tempi della giunta Garini), ha formulato un’offerta di acquisto di 1 milione e 400 mila euro. Ovviamente ne serviranno almeno altri due per rimetterlo in sesto. Ci sarà un avviso pubblico, con un mese di tempo per eventuali altri offerenti al rialzo, ma sarà impossibile, dati i precedenti, che qualcuno si faccia avanti. Il palazzo si presta ad Accademia perchè ci sono spazi edeguati, non manca un giardino e si potrà pure realizzare, ha detto il presidente Salvelli, una piccola foresteria per studenti che arrivano da ogni parte del mondo. I problemi strutturali, cioè la mancanza di ascensore e scala supplementare, si potranno risolvere: la Soprintendenza ha fatto un sopralluogo ed ha ‘spinto’ con convinzione per l’acquisto. 

10 Dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000