il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Assalto al monopolio, condannati
Due nomadi già ai domiciliari

Al termine della direttissima i due maggiorenni Beby Halilovic e Diego Halilovic sono stati condannati dal Tribunale di Cremona con patteggiamento alla pena di tre anni di reclusione. Di seguito è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari in Asti, luogo di residenza.

Assalto all'ex monopolioarrestati tre nomadi, uno ha 15 anni

I due nomadi vengono portati in questura

AGGIORNAMENTO: Al termine della direttissima i due nomadi maggiorenni Beby Halilovic e Diego Halilovic  sono stati condannati dal Tribunale di Cremona con patteggiamento alla pena di tre anni di reclusione. Di seguito è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari in Asti, luogo di residenza. 

CREMONA - Sapevano perfettamente che il mercoledì mattina, all’ex monopolio di Costa Sant’Abramo, è giorno di consegne. E avevano pianificato l’assalto. Non, però, direttamente al deposito. Nel mirino dei tre nomadi arrestati ieri dai carabinieri al termine di un inseguimento da film lungo la Castelleonese, c’erano i tabaccai: avrebbero atteso che uno caricasse il proprio furgone e lo avrebbero poi seguito, in attesa del momento più opportuno per compiere la razzia. E l’avrebbero portata a termine, presumibilmente, nello stesso modo con cui hanno condotto colpi analoghi nel Cremonese e nella Bassa Bresciana tra gli scorsi mesi di settembre e ottobre: già raccolti «riscontri significativi» nel rafforzare quella tesi investigativa, l’Arma è convinta che il 29enne Baby Alilovic e il 18enne Diego Alilovic, ora in carcere a Cremona, e con loro il 15enne affidato al Beccaria e il complice sfuggito alla cattura ma già identificato come Valentino Music, 32 anni, siano gli autori di quattro raid commessi nel territorio tra fine estate e inizio autunno.

10 Dicembre 2015

Commenti all'articolo

  • enrico

    2015/12/10 - 17:05

    Arresti domiciliari???? bene avanti così è poi dicono che il crimine non paga.

    Rispondi

  • renzo

    2015/12/10 - 16:04

    Piu' che le manine belle, qualcosa d'altro....almeno non riproducono piu' elementi del genere.....

    Rispondi

  • Corrado

    2015/12/10 - 16:04

    ....zac! Via le manine belle!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000