il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Morto ad Ancona Giovanni Renga
medico e docente universitario

Nato a Cremona nel 1936, fi uno dei padri fondatori della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università Politecnica delle Marche

Morto ad Ancona Giovanni Renga medico e docente universitario

Giovanni Renga

CREMONA - Lutto nel mondo della sanità. E’ morto oggi alle 13.30 alla divisione di Terapia intensiva dell’ ospedale di Torrette il prof. Giovanni Renga. Aveva 79 anni. A lui si deve la stesura del primo Piano sanitario della Regione Marche.  Il prof Renga era stato ricoverato questa estate in seguito a un grave problema vascolare mentre si trovava in vacanza a Senigallia.

“La facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università Politecnica delle Marche – dichiara il neo preside Marcello D’Errico – perde uno dei suoi padri fondatori, straordinario docente che tanto ha dato sia all’Ateneo che al sistema sanitario regionale essendo stato lui, nel 1977, uno degli autori del primo Piano Sanitario delle Marche. Ricorderemo la sua alta professionalità, la grande capacità di guardare al futuro ma ci mancheranno soprattutto la sua passione e il suo entusiasmo. La sua squadra di allora giovani medici è tutt’oggi impegnata nello sviluppo di una sanità sicura, efficace e a misura di paziente”. Giovanni Renga era nato il 4 febbraio del 1936 a Cremona. Dopo la laurea in Medicina e chirurgia a Parma, inizia la carriera universitaria a Sassari nel 1964 con il prof. Bruno Angelillo proseguendo, fino al 1976, la sua attività all’università di Napoli. Sempre nel 1976 si trasferisce ad Ancona ricoprendo la cattedra di Igiene e Medicina preventiva. Nel 1984 si trasferisce a Torino insediandosi nella cattedra che fu del prof. Luigi Pagliani, padre della sanità pubblica in Italia. “Grande innovatore nel periodo anconetano – ricorda il prof Francesco Di Stanislao docente di Igiene preventiva dell’Ateneo dorico e suo primo allievo - intuisce il valore e l’importanza della fase di cambiamento nella sanità pubblica che si avviava alla prima riforma sanitaria nel 1978. Svolge un ruolo di primo piano nella programmazione sanitaria della Regione Marche negli anni Settanta. Nel periodo torinese aderisce alla Società italiana di valutazione e revisione della qualità dell’assistenza e diventa padre formatore della Società italiana di pedagogia medica continuando a coniugare gli aspetti formativi con le nuove esigenze (qualità, efficacia, sostenibilità) del Sistema sanitario”.

Il professor Giovanni Renga lascia il fratello Carlo, la cognata Elena e i nipoti Filippo e Francesco. I funerali si terranno martedì alle ore 15 nella chiesa di Sant’Agostino a Cremona.

31 Ottobre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000