il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Guerriglia del 24 gennaio,
restano in cella due dei tre arrestati

Domiciliari invece per Kuljit Tiwana, 24enne residente a Corte de’ Cortesi. Respinte dal gip le richieste degli avvocati di Filippo Esposti di Pizzighettone e il siciliano Giovanni Marco Codraro

Guerriglia del 24 gennaiorestano in cella due dei tre arrestati

Il corteo antagonista

CREMONA - Il giudice per le indagini preliminari, Letizia Platè, si è espressa nelle ultime ore in merito alle richieste di scarcerazione presentate dai legali difensori dei tre arrestati, la scorsa settimana, nell’ambito dell’inchiesta sul corteo antagonista finito in guerriglia il 24 gennaio. Sono state respinte le domande di domiciliari avanzate dagli avvocati di Filippo Esposti, tutelato dall’avvocato del foro di Brescia Sergio Pezzucchi, e Giovanni Marco Codraro: restano in cella, dunque, sia il 27enne di Pizzighettone, considerato dagli inquirenti il procacciatore dei caschi poi utilizzati nella battaglia militante, che il 23enne siciliano, residenza a Milazzo e domicilio a Palermo, attivista dei centri sociali ‘Ex Carcere e Anomalia’.
A casa, questa sera, è invece tornato Kuljit Tiwana, 24enne indiano residente a Corte de’ Cortesi. A differenza degli altri due, a lui i domiciliari, misura cautelare meno restrittiva del carcere, è stata concessa. Era difeso dagli avvocati Erminio Mola e Simona Bracchi

26 Ottobre 2015

Commenti all'articolo

  • enrico

    2015/10/27 - 04:04

    Kuljit Tiwana? Vengono in Italia anche per manifestare o forse è meglio dire devastare! Bel paese .

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000