il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il miele cremonese merita un premio

Oggi in Camera di Commercio la premiazione del concorso organizzato dall’Associazione Produttori Apistici

Il miele cremonese merita un premio

CREMONA - Si è svolta oggi, sabato 24 ottobre presso la Sala Maffei della Camera di Commercio di Cremona la premiazione del Concorso “Il Miele Cremonese più buono”. Il Concorso, organizzato dall’Associazione Produttori Apistici della provincia di Cremona con il contributo di Camera di Commercio e di Regione Lombardia, si inserisce nell’ambito del progetto Festa del Torrone: Omaggio a Expo 2015 in programma a Cremona il 24 e il 25 ottobre. Il concorso del miele cremonese giunto alla XI edizione sarà presentato anche al Bontà sabato 14 novembre 2015 presso l’area eventi di CremonaFiere.

“Con grande orgoglio – dichiara Esterina Mariotti, Presidente dell’Associazione - l'Associazione apicoltori cremonesi organizza l'undicesima edizione del Concorso mieli; ottimo risultato visti i tempi avversi che il settore sta vivendo. Nonostante negli ultimi anni la quantità di miele prodotta sia sempre diminuita, i campioni presentati al concorso sono andati sempre aumentando, toccando l'apice quest'anno con 98 mieli presentati. Questi mieli provengono da tutto il territorio cremonese e rappresentano le peculiarità delle nostre produzioni. Gli organizzatori del concorso sono molto soddisfatti non solo dall'affluenza, ma anche dalla qualità dei campioni: questo vuol dire che il Concorso mieli cremonesi ha centrato il suo intento di educare gli apicoltori alla qualità del miele.”

Gli apicoltori della provincia di Cremona sono circa 120, di cui 20 professionisti e il restante hobbisti. Gli alveari sono 4.000. Il miele prodotto è di alta qualità, basato su un sistema di produzione legato alla tradizione. La categoria con più campioni è stata quella dei millefiori, che sono la massima espressione del territorio in cui le api vivono e raccolgono. Nel millefiori si trovano tutte le essenze che non riescono a fare da sole un miele uniflorale, ma che mettendosi assieme creano una caratterizzazione del territorio tramite le piante nettarifere in esso contenute.


“Il miele millefiori – sottolinea Irene Pavesi, esperta di analisi sensoriale legata al miele - è l'espressione delle piante nettarifere di un territorio, ci siamo accorti realizzando i concorsi mieli cremonesi che vi sono caratteristiche comuni tra millefiori della stessa zona. Arrivando addirittura a riconoscere al primo assaggio la zona di provenienza. Il cremonese è ricco di colza. Nel cremasco vi è il fondo di tarassaco, nel casalasco il sapore di fondo è dato da una essenza che sicuramente stabiliremo. Nel soresinese, territorio ricco di acqua, prevale un sapore delicato.”

primi classificati (i primi tre classificati di ogni categoria)


categoria TIGLIO

FACCHETTI Alessandro di Persico Dosimo (primo premio)

AMOSI Attilio di Dovera (secondo premio)

LUCCHI Giovanni di Cumignano (terzo premio)


categoria MELATA

GHIDOTTI Fiorenza di Pandino(primo premio)

CUCCHI Aleardo di Abbadia Cerreto LO(secondo premio)

SUPERTI Pierfausto di Cicognolo (terzo premio)


Categoria ACACIA

GATTI ROCCO di Dovera(primo premio)

RIVAROLI GIANFRANCO di Cà d'Andrea (secondo premio)

TAMAGNI PIERLUIGI di Spino d'Adda (terzo premio)


categoria MIELE MILLEFIORI PRIMAVERILE

DONDONI Erminio di Gombito(primo premio)

USBERTI Alessandro di Torre de Picenardi (secondo premio)

CUCCHI Aleardo di Abbadia Cerreto LO (terzo premio)


categoria MIELE MILLEFIORI ESTIVO

LUCCHI Giovanni di Cumignano(primo premio)

RIBOLI Alessandro di Campagnola C (secondo premio)

SUPERTI Pierfausto di Cicognolo (terzo premio)


categoria MIELE DI TARASSACO

LUCCHI GIOVANNI di Cumignano S.N. (primo premio)

RIBOLI Alessandro di Campagnola Cr (secondo premio)

MANERA Francesco di Palazzo Pignano (terzo premio)


MENZIONE PARTICOLARE MIELI RARI

MIELE DI TRIFOGLIO

MIELE DI AILANTO

ZERBINI ANGELO di Cremona


MIELE DI INDACO BASTARDO-AMORFHA

CORRADO GIUSEPPE di Credera Rubbiano


MIELE DI CASTAGNO

MIELE DI GIRASOLE

RIVAROLI GIANFRANCO Ca D'Andrea


MIELE DI ZUCCHINO SELV

MIELE DI GAGIA

CATTADORI OTTORINO Stagno Lombardo


MIELE DI COLZA

FACCHETTI ALESSANDRO Persico Dosimo


MIELE DI ERBA MEDICA

MALTRAVERSI EUGENIO Casalmaggiore


Premio all'apicoltore più TENACE nella presentazione dei suoi buonissimi mieli CAVALETTI ATTILIO di Pioltello

24 Ottobre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000