il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELVETRO PIACENTINO

Con la manina nell’ingranaggio

Paura per un bimbo di tre anni, ha perso due dita. L’incidente in una cascina di San Giuliano, il piccolo si è avvicinato per curiosare alla macchina agricola

Con la manina nell’ingranaggio

I mezzi dei soccorritori sul luogo dell'incidente

CASTELVETRO — Si è avvicinato ad un macchinario agricolo ed un micidiale ingranaggio gli ha tranciato un dito e una falange della manina. Il gravissimo incidente, venerdì pomeriggio alle 16 in via Dosso, ha avuto come protagonista un bimbo di tre anni, che ha perso molto sangue ma che fortunatamente non è in pericolo di vita. Il piccolo era nel campo insieme al papà impegnato nel lavoro e, nonostante le raccomandazioni, si è messo in pericolo. Il macchinario serve per avvolgere i tubi per l’irrigazione ed è dotato di una specie di catena, che ha appunto tranciato e amputato un dito della mano del bimbo. Fortunatamente il padre è intervenuto tempestivamente e lo ha subito spostato dall’ingranaggio, evitando il peggio. Con straordinario sangue freddo l’adulto ha subito soccorso il figlio e ha allertato il 118. In pochi minuti sul posto è arrivata un’ambulanza della Pubblica assistenza di Monticelli, seguita dall’auto infermieristica dell’ospedale di Fiorenzuola. Volontari e sanitari hanno prestato le prime urgenti cure, volte anche a salvare le altre dita ferite. Il piccolo è stato quindi trasportato in ospedale a Piacenza a sirene spiegate. Poco dopo è stato necessario inviare in via Dosso un’altra ambulanza, per prestare cure al padre del piccolo che ha accusato un lieve malore a causa del forte choc. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco di Fiorenzuola e di Cremona, allertati sia perché inizialmente si temeva che il bimbo fosse rimasto incastrato nel macchinario, sia perché è stato tentato un recupero della parte amputata anche se purtroppo non è detto che sia possibile la ricostruzione. A S. Giuliano sono rimasti a lungo anche i carabinieri di Monticelli, per gli accertamenti, coordinati dalla compagnia di Fiorenzuola al comando del capitano Emanuele Leuzzi.

11 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000