il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


SORESINA

L'imprenditore Vaccari suicida in azienda

Il titolare dello storico mobilificio ha lasciato dei biglietti d'addio e si è sparato, venerdì mattina i funerali

Spari a Soresina, morto il 60enne Claudio Vaccari. Tutto lascia pensare a un suicidio

Claudio Vaccari

***AGGIORNAMENTI

SORESINA — Un colpo di pistola alle nove del mattino. Claudio Vaccari, imprenditore 60enne, titolare dell’omonimo mobilificio, si è tolto la vita nel luogo che probabilmente sentiva più caro. La sua azienda. La storica rivendita di via Caldara. Il corpo dell’ex vicepresidente Ascom è stato rinvenuto da un dipendente. Anche se immediata, la richiesta d’aiuto si è rivelata inutile: i soccorritori, al loro arrivo, non hanno potuto far altro che constatare il decesso.
Non si è trattato di un gesto estemporaneo. I biglietti d’addio erano già pronti, dovevano solo essere letti. Proprio a quegli scritti, il commerciante ha affidato le sue spiegazioni e le sue scuse. Liberandosi in via definitiva dalle parole che a voce, evidentemente, non riusciva a pronunciare.
Da quanto si è appreso, le ultime persone che l’hanno visto vivo sono alcuni suoi collaboratori. Dopo aver scambiato due parole, intorno alle 9 Vaccari si è allontanato dirigendosi verso il capannone sul retro del mobilificio. E non è più uscito. Allarmati dallo sparo, i dipendenti sono subito corsi a cercarlo ma quando l’hanno trovato la sua volontà si era ormai compiuta.
Eseguiti i rilievi del caso, i carabinieri di Soresina, affiancati dal medico legale, hanno subito trasmesso gli atti in Procura, a Cremona. Valutati con attenzione tutti gli elementi, il pm di turno ha ritenuto di lasciare la salma a disposizione della famiglia. Non è stato aperto alcun fascicolo e non verrà eseguita l’autopsia. E’ già tutto sufficientemente chiaro. Il 60enne ha utilizzato un’arma di sua proprietà, regolarmente denunciata, e nei messaggi indirizzati ai familiari ha spiegato con immaginabile dolore i motivi che l’hanno spinto a dire addio, che a quanto pare sarebbero da ricondurre a problemi connessi all’attività aziendale. Nessun dettaglio da accertare, nessuna zona d’ombra sulla quale fare luce. Un dramma personale ma, visti gli incarichi di prestigio ricoperti da Vaccari nella sua associazione di categoria, con riflessi sull’intera società civile.
Ai familiari, che si trovavano in vacanza, la notizia è stata comunicata intorno a metà mattina. Nonno da circa un anno, l’imprenditore lascia la moglie Daniela, la mamma Alberta, i figli Matteo e Sara e il nipotino Francesco.
I funerali verranno celebrati venerdì mattina, 4 settembre, nella chiesa parrocchiale di San Siro, con partenza alle 10.30 dall’abitazione di via Caldara.

SORESINA - Le indagini dei carabinieri sono tuttora in corso, ma ad essere ritrovato senza vita è Claudio Vaccari, 60 anni, titolare dell'omonimo mobilificio di via Caldara, ex vicepresidente dell'Ascom ai tempi della presidenza di Claudio Pugnoli. Stando alle prime indiscrezioni, l'imprenditore si sarebbe suicidato con un'arma da fuoco e sarebbe stato trovato già senza vita da un dipendente all'interno dell'azienda. Personaggio notissimo sia a Soresina che a Cremona, Claudio Vaccari era figlio di Alfio, storico mobiliere di Soresina.

SORESINA - Spari avvertiti poco dopo le 9 di mercoledì 2 settembre in via Caldara all'altezza del Mobilificio Vaccari. Si teme un suicidio.

****SEGUONO AGGIORNAMENTI

02 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000