il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


GRUMELLO/BORDOLANO

Truffati dai finti carabinieri

Anziani derubati di soldi e gioielli a Grumello e Bordolano. L’altra settimana colpo identico a Oscasale: banda di specialisti in azione

Truffati dai  finti carabinieri

Sui colpi indaga l’Arma Caccia serrata alla gang

GRUMELLO/BORDOLANO - Era già successo nove giorni fa ad Oscasale, è accaduto di nuovo ieri, prima a Grumello e poi a Bordolano: doppio colpo dei finti carabinieri, un 72enne e una 70 enne nel mirino. Prima raggirati e poi derubati con la solita, vigliacca, scusa: dover verificare un fantomatico passaggio dei ladri. E agli anziani, in quel modo, è stato portato via tutto quello che avevano in casa al momento: soldi e gioielli per un bottino complessivo di qualche migliaio di euro.

Indaga l’Arma, adesso. Lo fa senza sottovalutare il minimo dettaglio. E con più nessun dubbio sul fatto che a muoversi nel Cremonese, così come, a quanto pare, nelle province limitrofe, sia una banda specializzata: passerebbe al setaccio i territori, scendendo dal Milanese per poi spostarsi tra Bergamasca, Bresciano e Cremasco e rientrare attraverso il Lodigiano. E’ caccia serrata.
Intanto, restano le due incursioni del sabato mattina. Identiche per dinamica. E frutto di piani perfettamente congegnati oltre che, stando ai primi accertamenti, fondati su un furto precedente la truffa: lo lascia pensare il fatto che, in entrambi i casi, i malviventi, una coppia di giovani, abbiano mostrato oggetti in oro effettivamente appartenenti alle vittime. Come se nelle abitazioni si fossero già infilati prima. «Siamo carabinieri e abbiamo appena arrestato un gruppo di romeni con refurtiva — la spiegazione —: stiamo verificando dove abbiano rubato. Questi sono suoi?».
Convincente, l’approccio. Rafforzato stavolta, a differenza dell’altra settimana, da un tesserino di plastica esibito velocemente. Poi, conquistata così la fiducia, l’ingresso nelle villette: a Grumello come a Bordolano, uno parla con il residente e l’altro si muove fra le stanze rovistando nei cassetti. Pochi minuti e la fuga. Vincente. Almeno per ora.

08 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000