il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Addio Asl e aziende ospedale
Da gennaio una 'rivoluzione'

L’obiettivo: più integrazione con il territorio e meno costi

Addio Asl e aziende ospedale Da gennaio una 'rivoluzione'

Camillo Rossi, Simona Mariani, Carlo Malvezzi, Gilberto Compagnoni e Raffaello Stradoni

Cremona - Approvata mercoledì notte e presentata oggi, giovedì 6 agosto, diventerà operativa il primo gennaio 2016 la nuova legge sulla sanità in Lombardia, che chiude l’era delle Aziende Ospedale e delle Asl introducendo le Aziende socio sanitarie territoriali e le Agenzie di tutela della salute. Sul territorio provinciale ci saranno due Asst (corrispondenti alle ex aziende ospedale di Cremona-Casalmaggiore e Crema), mentre l’Ats riunirà le ex Asl di Cremona e Mantova. «Un cambiamento voluto per interpretare meglio le nuove esigenze del settore, ponendo al centro il ‘prendersi cura’ della persona, l’integrazione ospedali-territorio e sanitario-sociale, e garantendo un risparmio su scala regionale stimabile in circa 300 milioni da destinare alla riduzione dei ticket sanitari e della quota di partecipazione alle rette delle Rsa per i meno abbienti». Lo ha spiegato il consigliere regionale Ncd Carlo Malvezzi nell’incontro di ieri in ospedale con i vertici dell’azienda ospedale — il dg Simona Mariani e il direttore sanitario Camillo Rossi —, dell’Asl — il dg Gilberto Compagnoni e il ds Raffaello Stradoni — e molti responsabili di dipartimento.

leggi di più sulla provincia di venerdì 7 agosto 2015

06 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000