il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

«Chiudere l’inceneritore è possibile»
Gli ambientalisti da Galimberti

L’incontro è durato tre ore. Le associazioni rilanciano la richiesta

«Chiudere l’inceneritore è possibile»Gli ambientalisti da Galimberti

L'inceneritore di Cremona

CREMONA - I rappresentanti delle associazioni che si stanno impegnando per la chiusura dell’inceneritore hanno incontrato, giovedì in Comune, il sindaco Gianluca Galimberti. Alla riunione, durata circa 3 ore, erano presenti anche gli assessori Alessia Manfredini e Maurizio Manzi e la dirigente Mara Pesaro.
«Il confronto, molto approfondito, si è concentrato sui vari aspetti del problema, da quello sanitario e ambientale a quello economico e industriale e ha visto l’amministrazione in un atteggiamento di attento ascolto . dicono, in una nota, gli ambientalisti -. Abbiamo presentato 3 documenti su rifiuti e studio Leap, salute e diossine, strategia per la chiusura dell’inceneritore di san Rocco».
In estrema sintesi, le associazioni hanno sottolineato cinque punti: «Per chiudere l’inceneritore è decisiva la volontà politica, non i vincoli finanziari che possono essere agevolmente governati invece di essere utilizzati come alibi. Lgh è chiamata a porre su tutti i tavoli negoziali aperti, da quello regionale a quello di un’eventuale fusione con altra multiutility , questo obiettivo come irrinunciabile. Lo spegnimento dell’inceneritore è solo una fase, mentre il decommissioning-smantellamento può essere articolato e dunque finanziato in molti più anni». 

leggi di più sulla provincia di venerdì 7 agosto

06 Agosto 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000