il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ruba due tablet poi si ferisce e minaccia:
state lontano, ho l'Aids.

Ruba due tablet poi si ferisce e minaccia: 
state lontano, ho l'Aids.

Il centro commerciale CremonaPo

CREMONA - Nella serata di sabato i carabinieri hanno tratto in arresto un cittadino lituano di 46 anni, senza fissa dimora in Italia, che con un complice, datosi poi alla fuga, aveva rubato due tablet I-Pad Air all’Unieuro del centro commerciale Cremona-Po.  

L’uomo era passato all’azione utilizzando una lametta con cui aveva tranciato i cavi di alimentazione dell’allarme della vetrinetta.

La manovra però  veniva notata dal direttore che all’uscita dalle casse tentava di bloccarlo insieme con il personale di vigilanza. Vistosi scoperto, il lituano abbandonava la refurtiva ed estraeva la stessa lama utilizzata prima, procurandosi sulle braccia profondi tagli da cui fuoriusciva abbondante sangue, minacciando i presenti di infettarli perché malato di AIDS.

Riusciva così a darsi alla fuga ma in via Castelleone veniva bloccato dai carabinieri.  Domattina sarà processato con rito direttissimo per rapina in concorso.

E adesso, in attesa del processo e del decorso clinico del lituano, è caccia al complice: certamente un connazionale dell’arrestato, sembra svanito nel nulla e, presumibilmente, potrebbe essere fuggito a bordo dell’auto della coppia di ladri, macchina che nessuno ha visto. Intanto, in attesa di eventuali sviluppi investigativi, l’ipotesi dei carabinieri, coordinati dal capitano Livio Propato, è che i due siano elementi di una banda specializzata in quel tipo di colpi. Una gang che ha firmato incursioni in serie, nelle ultime settimane, nei centri commerciali di mezzo Nord Italia. Raid tutti identici e tutti caratterizzati, guarda caso, dall’utilizzo di lamette per rendere inoffensivi i sistemi di allarme. Tablet nel mirino: da rubare e da piazzare, subito e facilmente, sul mercato nero.

27 Luglio 2015

Commenti all'articolo

  • enrico

    2015/07/26 - 13:01

    Per noi pochi Italiani sono una risorsa. Danno lavoro ai giudici alle forze dell'ordine alle guardie carcerarie. W la Boldrini e Alfano c'è ne ricorderemo

    Rispondi

  • enrico

    2015/07/26 - 12:12

    Lituano? Poverino siete i soliti razzisti.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000