il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASSA PIACENTINA

Allarme, stanno svuotando il Po

Un gruppo di pescatori stranieri sta facendo incetta di carpe e siluri. Multe pesanti e sequestri per tre rumeni

Allarme, stanno svuotando il Po

Il recupero delle reti illegali nel Po

CAORSO/MONTICELLI — Almeno dieci quintali di pesce liberato in tre giorni dalle reti di pescatori di nazionalità romena che stanno letteralmente svuotando il Po, con regolare licenza di pesca, ma con modalità non consentite. E’ allerta sul Grande Fiume nel tratto compreso fra Roncarolo di Caorso e San Nazzaro di Monticelli (oltre che sull’opposta sponda lodigiana) dove un gruppo di pescatori stranieri, provenienti da Rovigo, sta facendo incetta di carpe e siluri calando reti che coprono fino a un chilometro. A notarli per primi sono stati i caorsani del circolo ‘La Tana’ di Roncarolo, nella notte fra giovedì e venerdì, e a fermare le operazioni sono state le guardie di Arci Pesca ed Enal Pesca. I volontari si sono divisi e hanno tentato di raggiungere le barche dei romeni, ma non è stato facile avvicinarli: hanno tentato di scappare più volte via fiume, ma alla fine i guardiapesca sono riusciti a fermare tre dei sette avvistati. Le loro reti, con all’interno diversi quintali di pesce, non erano segnalate in modo corretto né riportavano la piombatura con la provincia di residenza. Dunque scatteranno sanzioni di competenze delle amministrazioni provinciali di Lodi e Piacenza. I romeni identificati avevano, sulla sponda lombarda, un grande furgone frigorifero che serviva appunto per conservare il pesce. Il giorno successivo i guardiapesca hanno trovato altre reti e tramagli nei pressi dell’Oasi de Pinedo e anche in quel caso hanno liberato i pesci e sequestrato il materiale. Infine nella notte fra sabato e ieri altro raid: «Abbiamo trovato reti che complessivamente coprivano circa un chilometro — spiegano i guardiapesca volontari — e abbiamo liberato diversi quintali di pesce. Anche in questo caso abbiamo verbalizzato le irregolarità, sequestrato reti e gommone». Da sottolineare che dal 15 luglio, su disposizione della Regione Emilia Romagna in seguito a una richiesta avanzata nelle scorse settimane dai consiglieri Pd, le sanzioni volte al contrasto della pesca di frodo sono raddoppiate e sono scattati provvedimenti molto più rigidi come il sequestro amministrativo di natanti e autoveicoli. Stando a quanto riferito dai piacentini che ogni giorno vivono il fiume, altre reti di grandi proporzioni sono state calate una settimana fa, sempre nelle ore notturne, fra Caselle Landi e San Nazzaro. Sono in corso indagini per capire dove finiscono questi grandi quantitativi di pesce, intanto i volontari restano sull’attenti e l’allerta si sta spostando anche nelle province vicine (ad esempio a Pavia) dove sono scattate operazioni simili.

19 Luglio 2015

Commenti all'articolo

  • koglione

    2015/07/24 - 16:04

    se non riesci a integrare i rumeni pensi di riuscire a integrare gli extracomunitari? Emerito Koglione. P.S. i rumeni in italia sono almeno 1 milione, se non ci fossero loro, i bulgari, gli slovacchi...non avremmo tanti problemi a prenderci cura dei rifugiati politici. Italia=Bengodi, questo pensano di noi poveri stupidi.

    Rispondi

  • They

    2015/07/21 - 06:06

    Anche i pesci ci fregano, stanno prosciugando l'Italia di tutte le sue risorse e i politici: pensano alla legge elettorale...

    Rispondi

  • enrico

    2015/07/20 - 15:03

    Sono anni che vanno avanti così. Del resto che cosa rischiano una denuncia? Qualche cambiamento a livello legislativo sarebbe ora di farlo in teoria in pratica poveri pesci.

    Rispondi

  • Pierfranco

    2015/07/20 - 14:02

    Ma guarda che caso....chi sono questi? da dove vengono ?? Dicono che sono pochi in Italia, ma sempre pronti a frodare in ognidove.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000