il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELLEONE

Il nonno mette in fuga i ladri

Banda in azione in una villetta. L’uomo era col nipotino di 10 mesi

Il nonno mette in fuga i ladri

Carabinieri in servizio nel territorio di Castelleone

CASTELLEONE — Solo in casa con un nipotino di dieci mesi, urla e mette in fuga i ladri. Se l’è vista brutta ma ha avuto coraggio il nonno castelleonese che due giorni fa ha sorpreso e allontanato una coppia di intrusi all’interno della sua abitazione. I due, verosimilmente, erano appena entrati. Forse convinti di poter agire indisturbati, non si aspettavano la presenza dell’uomo, poco più che sessantenne, nè tantomeno quella del bimbo. Nel complesso è andata bene: non c’è stato nè contatto nè confronto, ma lo spavento è stato enorme.
A pericolo scampato, la famiglia residente nella villetta presa di mira (zona est del borgo, non lontano dalla ferrovia) ha presentato denuncia ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini e intensificato i controlli, diurni e notturni, stradali e non. Sì, perché il furto sventato dal pensionato non è l’unico colpo tentato di recente. Dall’inizio della settimana sono state segnalate intrusioni un po’ in tutta la zona, da Trigolo a Gombito, da Formigara a Castelleone. E, stando a quanto si è appreso, i militari di via Sgazzini sarebbero in possesso di immagini registrate da alcune telecamere che ritraggono i presunti autori dei furti in azione. Si tratterebbe di due persone di carnagione chiara, ben vestite e dal fisico atletico. Non insospettabili ma quasi. E, se l’ipotesi investigativa si rivelasse fondata, sarebbe l’ennesimo caso di criminalità ‘mordi e fuggi’, ovvero gang che vengono da fuori, si concentrano su un territorio e nel giro di qualche giorno fanno man bassa in villette e appartamenti, alla ricerca di oro, contanti e automobili. Di raid del genere nell’ultimo periodo ne sono stati commessi parecchi e, per arginare l’offensiva sempre più insistente, le forze dell’ordine stanno producendo in questi giorni il massimo sforzo. Con azioni preventive e controlli mirati, destinate a continuare finché i predoni non si saranno allontanati.

14 Maggio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000