il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Volley, finale scudetto

Pomi' Casalmaggiore-Igor Novara (palaRadi ore 20,45)

Tutto esaurito per la sfida che può allungare la serie o regalare lo scudetto alla squadra ospite

Pomi' Casalmaggiore-Igor Novara  (palaRadi ore 20,45)

Il tecnico Mazzanti dà le indicazioni alla squadra: stasera la Pomì è chiamata ad una grande impresa

CREMONA — Atmosfera eletrizzante al palaRadi. Tante maglie rosa, cartoncini rosa distribuiti in tutto il palazzo e impianto gremito in ogni ordine di posto; luce soffusa sugli spalti e illuminazione tutta per il campo da gioco. Si respira la magia delle notti magiche, l'atmosfera delle occasioni epiche. Sestetti in campo secondo lo schema preannunciato e gara 4 ha inizio.

 

  • 1° set: la battuta di Novara fa male alla ricezione casalese mentre dai nove metri la Pomì non punge. L'attacco fatica e dopo l'8-6 a muro Novara va sul 10-6 col muro su Gennari. Cambia il vento in battuta e Novara sparisce. Solo Barun efficace, il resto è errori e muri subiti mentre le centrali "rosa" spingono la Pomì sull'1-0 del 25-19.
  • 2° set: ottimo avvio con il 7-3 propiziato dal servizio e dal muro di Stevanovic. Ortolani tiene avanti le "rosa" (11-8) ma il black out in cambio palla vale l'11-11. Il gioco della Pomì si fa scontato, Chirichella ringrazia a muro e Hill induce Mazzanti al time out sul 16-18. Due errori marchiani danno il la all'allungo novarese sino al 24-19, la Pomì annulla tre set point ma cade sul pallonetto di Barun del 22-25.
  • 3° set: Pomì in sofferenza in fase di cambio palla salvata da una stratosferica Tirozzi per il 7-7. L'Igor prova la fuga sull'8-11 ma la Pomì tutta-cuore non getta la spugna anche nel momento più difficile e si riporta in corsa per il 19-19 del cambio Partenio-Hill. Stevanovic dai nove metri propizia il 23-19 e Ortolani manda la Pomì sul 2-1 con il muro del 25-21.
  • 4° set: Novara non concepisce l'idea di gara 5 e chiarisce che il terzo set è stato solo un brutto episodio. 10-5 immediato e time out Mazzanti esauriti prima che una Tirozzi monumentale si carichi la squadra sulle spalle sino al 12-14. Più volte con la ricostruzione del -1 in mano la Pomì manca il colpo dell'aggancio e si trova 17-21. Il 20-22 è l'ultimo punto di contatto, poi Barun si stufa e decide di mandare tutto al tie break. L'errore di Ortolani vale il 20-25.
  • TIE BREAK: Tie break pazzo e in bilico sino al tentativo di fuga Pomì dell'11-8. Barun mette in croce la ricezione e costringe Mazzanti al time out sul 12-11. 14-12, due match point, Barun li annulla ma poi subisce il muro di Gibby che vale gara 5.

 

 

12 Maggio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000