il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Senso unico via Brescia, da via Soldi una raccolta firme

Senso unico via Brescia, da via Soldi una raccolta firme

I lavori in corso a San bernardo

CREMONA - Sono un'ottantina le firme dei residenti di via Francesco Soldi, che chiedono al Comune di non modificare la viabilità in via Brescia una volta che il sottopasso sarà aperto. Le firme sono già state depositate, l’Amministrazione sta già facendo riflessioni per la riduzione del traffico all’interno della riorganizzazione della viabilità sull’intero comparto.

Di seguito il contributo dell’Assessore Alessia Manfredini sul sottopasso di via Brescia: 

"Torno sull'argomento del sottopasso di via Brescia per ribadire che l'incontro pubblico del 6 maggio, organizzato con la collaborazione del locale comitato di quartiere, è stato convocato innanzitutto per ascoltare i cittadini.

In quella sede sono stati resi noti i dati e gli approfondimenti fatti in questo periodo, è stato spiegato che le prime evidenze dei flussi di traffico, elaborati da una società esperta in tema di trasporti, confermano che, a causa del cantiere, in alcune vie il traffico è aumentato (ad esempio in via S. Francesco), in altre vi è stata una ridistribuzione dei flussi stessi.

Le indagini svolte confermano inoltre che la soluzione di avere una sezione complanare, anziché un marciapiede rialzato - dal momento che non vi era la possibilità di modificare né la pendenza né le dimensioni del manufatto - permette tutte le soluzioni tecnicamente possibili.

Tenuto conto delle dimensioni del sottopasso (altezza 2,50 metri e larghezza 7 metri), il senso unico di marcia per le auto e la sezione per la pista ciclabile a doppio senso di marcia,

I primi risultati ci consentono di osservare che, data la riconfigurazione dei flussi la scelta di istituire un senso unico su via Brescia, in direzione nord o in direzione sud, non evidenzia particolari condizioni di criticità sulle strade del comparto. Si concorda sulla necessità di confrontarci con i commercianti che hanno delle attività in via Brescia, li abbiamo incontrati di persona (edicola, pizzeria, negozie) e con loro confronto è quotidiano. Infine sulla necessità di aumentare la sicurezza per i pedoni, lo spostamento del passaggio pedonale in via Persico va proprio in questa direzione), nonché di dotare l'intera zona di piste ciclabili.

Nei prossimi due mesi ci sarà il tempo per studiare e monitorare il passaggio di coloro che utilizzano la bicicletta, successivamente verranno individuate le soluzioni più opportune sia per la mobilità futura dell'intero quartiere, sia per la vivibilità dei residenti sempre coinvolgendo il comitato di quartiere". 

 

12 Maggio 2015

Commenti all'articolo

  • sergio

    2015/05/15 - 08:08

    ma questi flussi li puoi misurare solo DOPO che hai aperto il passaggio. Vai a vedere il traffico sul cavalcavia del cimitero! Dopo la fantasia al potere ora c'è l'incompetenza. Rispondete solo ad una domanda: si può fare il doppio senso di circolazione? se la risposta è sì, allora fatelo. Mettete dei dossi artificiali ma fatelo. Non ho firmato quella petizione solo perché non sapevo che l'avessero indetta, altrimenti le firme sarebbero state 2000! (a proposito: diteci che via persico non è finito così, diteci che le transenne sono provvisorie, diteci che la segnaletica a terra verrà riqualificata. Diteci che sapete fare le cose per bene.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000