il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Saluti fascisti, il caso in procura

Il deputato Bordo prepara la denuncia: quel gesto è un reato lo dice la Cassazione

Saluti fascisti, il caso in procura

Saluti romani durante la cerimonia

CREMONA - Approderà sui tavoli della Procura della Repubblica di Cremona la vicenda dei saluti fascisti esibiti a più riprese da una parte consistente dei partecipanti alla cerimonia che si è svolta al cimitero per commemorare Benito Mussolini e i caduti della Repubblica sociale italiana. Il deputato di Sel, Franco Bordo, lunedì 27 aprile ha preannunciato il deposito di una denuncia, subito dopo aver esaminato gli elementi raccolti insieme a Lapo Pasquetti, coordinatore cittadino di Sel e avvocato.

"Come riportato da tutti gli organi di informazione locale e testimoniato da chiare prove fotografiche, in occasione della celebrazione in memoria di Benito Mussolini tenutasi il 26 aprile (a proposito, non doveva slittare al 3 maggio?) presso il cimitero di Cremona, abbiamo dovuto ancora assistere all'esibizione di simboli riferibili all'ideologia fascista e alla pratica del 'saluto romano' da parte dei partecipanti, in aperta violazione delle disposizioni del sindaco, ma, soprattutto, delle leggi della Repubblica, che vietano espressamente questi gesti. L'esibizione del saluto romano è un'azione perseguibile. Lo ha sancito, nel settembre dello scorso anno, la Cassazione, che ha condannato definitivamente due neofascisti per aver riproposto gesti del ventennio, in particolare il saluto a braccio teso. I supremi giudici, infatti, hanno confermato la condanna per due simpatizzanti di Casapound, che a un raduno neofascista avevano salutato a braccio teso urlando 'presente', stabilendo che 'nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe'. Anche secondo i giudici esistono quindi ancora rischi di "rigurgiti" antidemocratici, come indicano tanti recenti episodi avvenuti in Europa, che rendono necessario mantenere in vigore la legge Scelba che vieta la ricostituzione del partito fascista e gesti come il saluto romano".

"L'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta, infatti, erosa dal decorso del tempo e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose", scrive la Prima sezione penale della Suprema Corte nella sentenza 37577.

"Alla luce di questa sentenza - chiarisce il deputato Bordo - sto provvedendo a preparare un esposto denuncia che presenterò alla Procura della Repubblica di Cremona affinché si proceda contro gli autori di tali gesti, gesti che a tutti gli effetti continuano a costituire un reato che deve essere perseguito, come sancito dalla Suprema Corte".

 

27 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2015/05/02 - 16:04

    L'On. Bordo si indigna per il saluto fascista e che dice di quei bravi signorini che hanno devastato Milano? Ma perché le mamme e i papà di quei devastatori non fanno come la mamma americana che ha preso a ceffoni e pugni in mezzo alla strada il figlio che stava facendo la stessa cosa dei "milanesi"? Ci scandalizziamo ancora per un saluto fascista!

    Rispondi

  • teodoro

    2015/04/29 - 10:10

    Trovo giusta e significatica l'iniziativa dell'on Franco Bordo. L'apologia di fascismo è da condannare sotto molti punti di vista, proprio dopo la giornata della Liberazione italiana dal nazifascismo, alcune commemorazioni con simboli di marca fascista sono da denunciare alle pubbliche autorità e pubblicamente perché l'antifascismo vive ed è riconosciuto come valore etico nella Costituzione repubblicana. E' una vitale questione culturale e democratica sollevare una questione come l'apologia di fascismo che è un reato e come tale va sottoscritto e condannato. Già l'ANPI provinciale aveva denunciato questo evento ed è bene che se ne parli pubblicamente nelle Istituzioni e tra i cittadini. Condivido l'iniziativa dell'on Bordo.

    Rispondi

  • renzo

    2015/04/28 - 12:12

    On Bordo, una domanda: e' piu' odioso fare il saluto fascista e poi essere manganellati, oppure fare il pugno chiuso e manganellare? Chi e' piu' fascista? Anche se lei, grazie alla sua verita' precostituita, pensa che le parti siano invertite....

    Rispondi

  • alessandra

    2015/04/28 - 10:10

    Trovo ormai inolleranti Italiani che preferiscono accettare "burka" e la me lunghe,reati anche questi per la legge italiana, però atti fatti dal povero extracomunitario che si sente lontano da casa, preferiamo "sputare" sui nostri usi e costumi nascondendo i nostri crocefissi, sempre per far sentire a loro agio le altre persone, tollerare la devastazione di una città sotto chissà quali ideali, per non tolerare un saluto romano, saluto che piaccia o no fa parte della nostra storia, si parla di diritto di pensiero e parola, ma ormai a Cremona questo stà diventando un utopia.Datemi pure della razzista, ma cadete in errore, somo solo troppo italiana, per vedermi e sentirmi governata da altre culture...

    Rispondi

  • Vania

    2015/04/28 - 08:08

    vorrei chiedere a Bordo se sia più illegale il saluto fascista o distruggere una città come hanno fatto i comunisti il 24 gennaio scorso.....

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000