il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PADERNO PONCHIELLI

Ponchielli, il museo ritrovato

Domenica 26 aprile festosa inaugurazione delle sale espositive dedicate al compositore

Ponchielli, il museo ritrovato

Il quartetto d’archi: Marcomauro Moruzzi, Niccolò Toscani, Vincenzo Zanolli e Fausto Solci

PADERNO — Giornata evento per il paese di Ponchielli, dove ieri pomeriggio, dopo una manciata di mesi di chiusura, ha riaperto al pubblico la casa-museo del celebre compositore nato all’ombra del campanile di San Dalmazio. Esposizione rinnovata e riorganizzata dalle idee e dal braccio operativo di tanti volontari coordinati dall’amministrazione comunale. A cominciare dal consiglio direttivo diretto dall’assessore alla Cultura Simona Ravasi, del quale fanno parte, oltre alla conservatrice Elena Dagani, Mara Vaccari, Rossella Arisi, Elisa Ce’ e Francesca Capelli. Alla cerimonia di inaugurazione del museo,che dal 1986 custodisce numerosi cimeli e partiture del musicista di fama mondiale, sono intervenuti il sindaco Cristiano Strinati con gli assessori, la stessa Dagani, il parroco don Claudio Rasoli che ha benedetto gli ambienti e tanti compaesani. Tra il pubblico, anche il direttore del giornale «La Provincia» Vittoriano Zanolli e Masako Tanaka Protti, vedova del notissimo tenorecremonese, che ha donato un costume di scena. La colonna sonora della festa è stata affidata al quartetto di violoncellisti composto daFausto Solci, MarcomauroMoruzzi, Niccolò Toscani e Vincenzo Zanolli, che hanno presentato alcuni brani del loro repertorio, dimostrando grande talento, premiato dagli applausi convinti e spontanei dei presenti. «Il museo Ponchielliano – ha rivendicato con orgoglio il primo cittadino — è patrimonio della collettività: oggi noi lo riconsegniamo nelle mani dei padernesi ripulito e riorganizzato. Tutti noi dovremmo sentircelo un po’ nostro perché rappresenta la nostra eccellenza. E’ per questo che tutti sono chiamati ad interessarsene, a dare una mano». La vice sindaco Mara Vaccari ha detto invece un grazie speciale ai commercianti di Paderno e frazioni per il prezioso appoggio garantito all’evento. Il nuovo corso di questo autentico fiore all’occhiello del paese è stato illustrato dalla curatrice: «Non sarà un museo chiuso — ha annunciato Dagani — ma vivo e dinamico, da vivere con tante novità, fatte di nuove collaborazioni ed eventi». La sua riconoscenza è andata ai padernesi, ma anche agli artisti, alle istituzioni (come la Fondazione Città di Cremona che ha regalato un quadro di Alberto Tira) e alle scuole di musica attive sotto al Torrazzo molto sensibili a questa causa. Tra le novità del ‘nuovo’ museo spicca l’esposizione di doni ricevuti dal museo civico di Cremona e da alcuni privati. Al piano superiore della casa si può ammirare una stanza chei volontari hanno voluto dedicare alle commemorazioni che il mondo musicale e culturale ha dedicato all’artista e una sezione di dipinti e sculture regalati da autori padernesi. Insomma le ‘mura modeste’ dove Ponchielli ‘svolse ignorata giovinezza’ continuano a raccontare l’amore di un paese orgoglioso di un uomo che del pentagramma è stato un genio.

26 Aprile 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000