il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CROTTA D'ADDA

Cancella la scritta del fascio, pensionato nei guai

L'uomo, durante le celebrazioni del 25 aprile, ha pitturato un motto dipinto su una cascina degli anni '30: intervengono i carabinieri, rischia la denuncia

Cancella la scritta del fascio, pensionato nei guai

La scritta cancellata a Crotta d'Adda

CROTTA D’ADDA - Ha coperto di pittura una scritta storica risalente al Ventennio fascista e lo ha fatto proprio durante le celebrazioni per il 70° anniversario della Liberazione. Il protagonista, un 60enne molto noto in paese e nel territorio, è stato bloccato ad opera conclusa, identificato e condotto in caserma dagli stessi carabinieri presenti alla cerimonia. Dalle notizie filtrate, l’uomo rischia almeno un paio di denunce.

 

E’ sabato 25 aprile e la comunità si appresta a festeggiare: il programma ufficiale prevede la messa e alle 10.30 tutti sono in San Lorenzo per il rito. All’uscita, si forma il corteo con autorità, bandiere, labari e cittadini. Poco più di duecento metri separano la chiesa dalla piazzetta dove è situato il monumento ai Caduti. Il corteo percorre via Roma in un paio di minuti e, raggiunta la stele, viene posta la corona d’alloro. Il sindaco, davanti alla sua gente, presenti delegati della Protezione civile e carabinieri della stazione di Pizzighettone, inizia il discorso commemorativo. «A un certo punto arrivano i figli del marchese Stanga - spiega il primo cittadino Renato Gerevini - per avvisare di un uomo che sta coprendo la scritta risalente al Ventennio con della pittura». I militari si sganciano dalla cerimonia e raggiungo via Acquanegra, poche centinaia di metri più in là. E qui sorprendono il pensionato. La scritta - campeggia sul muro di una antica cascina di pertinenza della famiglia Stanga dagli anni Trenta del Novecento - è ‘E’ l’aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende’, già sbiadita di suo dopo una ottantina di anni alla mercé delle intemperie, è coperta da una mano di tempera verde.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

 

25 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2015/05/02 - 21:09

    Riceverà un telegramma di congratulazioni dalla Presidenta!

    Rispondi

  • Giovanni

    2015/04/28 - 19:07

    Immagino che il sig Paolo sia un sodale della Boldrini! Ma nemmeno a Bolzano hanno osato cancellare i segni della dominazione fascista! La storia non si distrugge. E poi mi sembra che la scritta fosse su una proprietà privata! Che diritto aveva questo tizio di imbrattare un edificio privato?????

    Rispondi

  • NICOLA

    2015/04/26 - 16:04

    Da dove spunta questo decerebrato? Dall'albero degli zoccoli di Ermanno Olmi o dal Peppone e Don Camillo di Guareschi??

    Rispondi

    • paolo

      2015/04/27 - 12:12

      da fargliela levare con la lingua , la pittura verde

      Rispondi

    • Paolo

      2015/04/27 - 09:09

      Italia Cremona anno 2015 saluti romani al cimitero e arresto per chi cancella scritte di motti mussoliniani.

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000