il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SORESINA

Truffa 'radioattiva', via l'oro

Si finge addetto del gas e inganna un'ottantenne, sottratto contanti e preziosi

Truffa 'radioattiva', via l'oro

Un'auto dei carabinieri

SORESINA - Si spaccia per addetto del gas e col trucco della fuga radioattiva ruba l’oro e i soldi a una 80enne residente in un paese del Soresinese. E’ accaduto di mattina, nei giorni scorsi. «Hanno suonato alla porta e si è presentato un uomo sui 55 anni, alto, capelli scuri, tuta e giubbotto neri — racconta la pensionata —. Un italiano che parlava senza particolari accenti. Si è presentato come un addetto del gas: mi ha detto che c’era stato un grosso guasto e che temevano fosse stato disperso un liquido radioattivo in grado di contaminare il mio impianto e quelli della zona». La donna ha quindi accompagnato il falso operatore, munito di un presunto dispositivo ‘rilevatore’ in ogni stanza della casa. Ma è in cucina che poi si è soffermato, chiedendo alla donna se avesse oro e denaro in casa. Il rischio, secondo il finto tecnico, è che durante l’ultima prova l’oro si fondesse e il denaro venisse bruciato. «Bisogna metterli per sicurezza nel forno», ha detto l’uomo. L’80enne ha consegnato gioielli e denaro, ma qui deve aver giocato l’abilità del truffatore, il quale con tutta probabilità ha distratto la pensionata e ha intascato il bottino. Effettuato anche l’ultimo test — «Tutto bene», è stato l’esito — ha salutato e se n’è andato. L’anziana è tornata in cucina e quando ha aperto lo sportello del forno non ha trovato né oro né soldi. Quindi si è precipitata in strada, ma del 55enne nessuna traccia. Alla vittima del raggiro non è restato altro che chiamare i carabinieri di Soresina, al comando del maresciallo Luigi Illustre. I militari hanno effettuato un sopralluogo e hanno preso nota di ogni dettaglio. E’ il primo episodio del genere ‘radioattivo’ denunciato in tutto il Soresinese. L’anziana è rimasta choccata, anche perché tutto si è svolto con una persuasione e credibilità da parte del finto addetto «quasi ipnotiche».

Alcuni giorni prima, nello stesso paese, altri due finti operatori del gas hanno tentato di gabbare due pensionate: entrati in casa, uno ha versato della sostanza nel lavabo, dal quale si è poi sviluppato un fumo intenso. Una delle donne ha aperto la finestra e ha minacciato di chiamare l’Arma e i due sono fuggiti. Domani alle 10 al centro anziani di via Leonardo da Vinci a Soresina si terrà ‘Occhio alla truffa’: relatore sarà proprio il maresciallo Illustre. Lunedì invece in sala Gazza (alle 21) si terrà ‘Obiettivo sicurezza’: interverranno il capitano Livio Propato, comandante la Compagnia dei carabinieri di Cremona, il sindaco Diego Vairani e il capo dei vigili Giovanni Tirelli.

17 Aprile 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/04/18 - 06:06

    Con questi subdoli truffatori bisogna usare le pene corporali bypassando il ridicolo codice penale italiano

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000