il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Sola e con la mamma malata
'L'assessore mi aiuti'

Sola e con la mamma malata
'L'assessore mi aiuti'

Eleonora con l'avvocato Monia Ferrari

CREMONA - Con la figlia tredicenne e l'anziana madre di 82 anni affetta da una forma di demenza senile e costretta a letto per un problema vertebrale, ma ancora lucida, vive in un alloggio dell'Aler, al terzo piano della palazzina in via Caudana 6, a San Felice. Eleonora,46 anni, un lavoro perso tempo fa come operatrice socio assistenziale, tira avanti con la pensione della mamma. Frequentava un corso Asa per trovare poi una occupazione, ma ha dovuto lasciar perdere per accudire la madre. Eleonora non può permettersi neppure l'abbonamento del pullman per raggiungere la città, tanto che sua figlia ogni mattina si alza alle cinque per raggiungere la scuola media a Cremona, sfidando il freddo e la pioggia. Spesso ha dovuto saltare le lezioni perché malata e ha dovuto rinunciare , dalla scorsa estate,al calcio e alla canoa, sport in cui ha vinto delle medaglie, per mancanza di soldi. Eleonora più volte ha chiesto un contatto con l'assessore Plate' , al quale chiede un alloggio in città per facilitare la figlia nel raggiungere la scuola, e al piano terra per poter consentire al l'anziana madre, sistemata nella piccola cucina dell alloggio, di poter prendere una boccata d'aria. Oggi Eleonora, con l'aiuto dell'avvocato Monia Ferrari, lancia un appello all'assessore.

20 Febbraio 2015

Commenti all'articolo

  • Fabio

    2015/02/20 - 19:07

    Signori, la nostra Presidente della Camera cosa ha detto? Vanno valorizzati

    Rispondi

  • xxx

    2015/02/20 - 14:02

    senza essere tacciato come razzista e nemmeno di discorsi parallelismi,il nostri governanti la smettano immediatamente di assistere i delinquenti rom e dare pienamente assistenza a queste famiglie ITALIANE....

    Rispondi

    • They

      2015/02/21 - 07:07

      Concordo quanto hai scritto, i nostri governi stanno buttando i nostri soldi per assistere e mantenere delinquenti, basta che non siano di nazionalità italiana, mentre quello che il cittadino si aspetta non viene considerato. Tra qualche anno saremo noi a dover prendere i barconi per andare in un posto migliore...

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000