il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELVERDE

Monossido nel tempio indù
Fedeli intossicati, chiuso

Il sindaco Locci: non abbiamo nulla contro, ma si deve mettere a norma

Monossido nel tempio indù
Fedeli intossicati, chiuso

L’interno del tempio indù di Castelverde

CASTELVERDE — Il sindaco Graziella Locci ha chiuso temporaneamente il tempio indù lungo la via Bergamo perché non è a norma. Alcuni fedeli sono rimasti intossicati dal monossido e dopo i sopralluoghi degli organi competenti, si sono riscontrare delle irregolarità. Il referente che gestisce i rapporti con la stampa Gupta Rajiv conferma «Per il momento è chiuso. Chiameremo i tecnici e chiederemo loro cosa c’è che non va. Poi porteremo tutta la documentazione richiesta in Comune».
L’ordinanza è stata siglata nei giorni scorsi e notificata al proprietario dell’immobile e al referente della comunità religiosa. «Come amministrazione — spiega il primo cittadino — non abbiamo nulla contro gli indù. Dopo le segnalazioni ricevute dall’Asl, l’ordinanza di chiusura è un atto dovuto, in quanto sono la diretta responsabile dell’incolumità e della sicurezza delle persone».
Secondo quanto riferito sembrerebbe che all’interno dell’edificio religioso di via Bergamo alcune persone siano rimaste intossicati dal monossido. «Ci è stato spiegato che alcuni fedeli — racconta il sindaco — si sono sentite poco bene e hanno raggiunto gli ospedali di Cremona, Brescia, Lodi e delle province circostanti in base alla zona di provenienza. Qui sono stati riscontrati i sintomi tipici di intossicazione da monossido». Sono così scattate le segnalazioni del caso e anche le verifiche con relativi sopralluoghi. Nella relazione consegnata in Comune sono emerse delle irregolarità che hanno portato il sindaco a vietare l’uso delle stufe a pellet, dell’impianto elettrico qualora non sia certificato a norma di legge e di provvedere al ripristino delle condizioni igienico sanitarie.
Tutte le cerimonie religiose sono state sospese.

10 Febbraio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000