il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PIZZIGHETTONE

Spogliatoio chiuso ai giovani, scintille tra Asd e Us San Luigi

Patron Broglio fa intervenire i carabinieri. Il presidente Gualteri: rispetto delle regole

Spogliatoio chiuso ai giovani, scintille tra Asd e Us San Luigi

Uno degli spogliatoi del campo due

PIZZIGHETTONE — Scintille fra Us San Luigi e Asd Pizzighettone a causa di uno spogliatoio ‘vietato’ ai giovanissimi di quest’ultimo team. Il presidente Giovanni Broglio fa intervenire i carabinieri e la situazione si sblocca dopo un faccia a faccia tra lo stesso Broglio e i vertici della società guidata da Giorgio Gualteri. Restano però degli strascichi. Intanto è attesa per metà febbraio l’udienza del Tar di Brescia, che dovrà decidere sul ricorso presentato da patron Broglio contro il bando emesso dal Comune nel 2014 per la gestione dello stadio di via De Gasperi. Bando che per l’Asd Pizzighettone sarebbe stato costruito ad hoc per favorire la società di via Don Zanoni. Lunedì sera, la convivenza tra le due società calcistiche presso la struttura sportiva comunale, regolata da accordi scritti e verbali, è messa a dura prova. «Ci hanno proibito l’accesso dei bambini più piccini agli spogliatoi presso le tribune, usati da settembre dai nostri piccoli atleti», attacca Broglio. «Siamo stati relegati agli spogliatoi del campo 2 — prosegue —. Sono decine di bambini tutti ammassati in due locali, con sei docce ciascuno e poi ci sono 12 allenatori. Per noi non esiste che si cambino insieme».

Arrivano i carabinieri: ascoltano Broglio, visionano gli spogliatoi, parlano con i vertici delle due società. La mancanza di qualsiasi rilevanza penale viene fatta notare, ma l’opera di ‘mediazione’ dei militari sortisce un primo disgelo: per questo lunedì tutto si risolve. Rimangono da chiarire alcuni aspetti, che per Broglio sono definiti sia dall’accordo firmato tra le due società, sia da intese verbali scaturite nell’ambito di un gentleman agreement. Sull’altro fronte la versione è diversa. «Secondo gli accordi — afferma Gualteri — l’Asd usa i tre campi di allenamento il lunedì e il giovedì dalle 18 alle 19.30. Usa poi il campo uno per le gare di campionato Figc. Utilizza quindi la lavanderia, il magazzino e l’ex sede dell’As Pizzighettone. A voce, poi, si è concordato l’uso dei due spogliatoi del campo 2, più quello degli allenatori. In ottobre nasce da loro l’esigenza di usare anche uno degli spogliatoi del campo uno (sotto le tribune) solo per il giovedì. Noi glielo concediamo a livello verbale. Vede, per nostra scelta gli spogliatoi sono sempre aperti. Giovedì scorso (29 gennaio, ndr) tre spogliatoi su tre sotto le tribune erano occupati, e i nostri allenatori hanno dovuto aspettare. Questo non era nei patti. Allora, per mandare un messaggio ai grandi, abbiamo chiuso lunedì questi spogliatoi, lasciando loro i tre del campo due. Noi chiediamo solo il rispetto degli accordi scritti e verbali, a partire da un uso concordato degli spogliatoi, ma anche degli spazi, con riferimento a presenza di automezzi e persone non autorizzate. Se Broglio ci chiedesse il lunedì, ebbene, ne parleremo. Anche perché riguardo alle intese iniziali è un ulteriore onere e impegno. Noi, lo ribadisco, siamo sempre disposti a trattare: porte aperte ma anche rispetto».

04 Febbraio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000