il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Il concerto dei 99 Posse si farà. La Regione Lombardia: scelta incomprensibile

Le dichiarazioni dell'assessore Bordonali dopo l'esito della riunione di martedì del Comitato per la sicurezza

Il concerto dei 99 Posse si farà. La Regione Lombardia: scelta incomprensibile

L'assessore Simona Bordonali

CREMONA - Si è riunito questa mattina  in prefettura il comitato ordine e sicurezza. Al tavolo, con il prefetto Paola Picciafuochi, l'amministrazione comunale e i vertici di tutte le forze di polizia. Il concerto dei 99 Posse in programma giovedì sera alla fine si farà.

Il sindaco aveva  già chiaramente espresso la sua posizione, esprimendo contrarietà all’evento organizzato dal centro sociale Dordoni per sostenere le spese mediche per Emilio Visigalli.

Netta presa di posizione della Regione Lombardia. L'assessore Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione) ha dichiarato che è "una scelta difficile da capire. Ritengo davvero incomprensibile la scelta di autorizzare lo svolgimento del concerto di giovedì a Cremona. La tensione sociale è alle stelle e le scene viste sabato hanno davvero lasciato il segno. Sono tuttavia convinta che gli agenti delle Forze dell’ordine agiranno nel migliore dei modi per garantire che tutto si svolga senza scontri o atti di violenza. A questo punto sarebbe opportuno che durante il concerto il centro sociale organizzasse una raccolta fondi volta a risarcire almeno in parte i danni causati alla città di Cremona dalla manifestazione di sabato, che ammontano a circa 500.000 euro”.

 

 Il Comune di Cremona, per quanto gli compete, non ha dato nessuna autorizzazione al concerto, come dichiarato dal sindaco nella giornata di lunedì (http://gianlucagalimberti.it/videos/concerto-99-posse-siamo-preoccupati-e-contrari-per-quanto-ci-compete-nessuna-autorizzazione/). La preoccupazione e la contrarietà per l’evento è stata portata dal sindaco al Comitato sicurezza, in cui il Comune ha un ruolo consultivo. Posta la non autorizzazione da parte del Comune, la realizzazione o non realizzazione del concerto attiene all’ordine pubblico ed è dunque competenza di Prefettura e Questura con i quali, comunque, il Comune di Cremona continua, come in questi giorni, a collaborare attivamente.

 

27 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Alessandro

    2015/01/28 - 12:12

    Qui non c'è la volontà da parte delle istituzioni di VIETARE IL CONCERTO.Il Questore ha detto che non ci sono i presupposti per vietare un concerto in una struttura privata… Punto 1 la struttura è comunale, con contratto scaduto tra l’altro….questo non basta per farla chiudere SUBITO? Non è sufficiente ?! Allora verifichiamo se sono a norma con il numero di persone che possono ospitare nei locali (norme antincendio)…..a rumore come siamo messi l’ARPA cosa dice ? Non credo siano in regola…Aprire un bel fascicolo per EVERSIONE nei confronti dello Stato? Dato che hanno commesso atti di TERRORISMO IN CITTÀ’…non basta a mettere i sigilli al centro ? Mi domando da dove provenga questa immobilità da parte delle istituzioni nei confronti dei soliti, basti vedere i Poliziotti durante la manifestazione, hanno lasciato sfogare l'orda barbarica senza fermare o arrestare nessuno...ovviamente gli ordini VENGONO DALL'ALTO ! ...siamo ancora bloccati dagli eventi della Diaz di Genova?! BASTA ! BASTA !

    Rispondi

    • giuseppe

      2015/01/29 - 10:10

      Non so dove abita Alessandro, io in Via Maffi e sono anni che con tutti i Sindaci di destra e di sinistra indico che al di là delle mediazioni politiche varie esiste un problema di civile e "condominiale" convivenza, motivi più che validi ed esaurienti per non affittare in un contesto residenziale un locale ad un qualsiasi centro sociale di dx, sx, alto o basso. MA DA ANNI PREDICO NEL DESERTO ....

      Rispondi

  • They

    2015/01/28 - 07:07

    Sostenere le spese mediche? Non mi risulta che qui in Italia si debba pagare di tasca propria l'ospedale!?!?!?

    Rispondi

    • mario

      2015/01/28 - 20:08

      Tranquillo, l'incasso andrà a finire in alcool, birra ed altro. E brinderanno alla salute del Prefetto e Questore di Cremona.

      Rispondi

  • Fabio

    2015/01/27 - 18:06

    Ma,mi chiedo e vi chiedo,possibile che nessun rappresentante delle istituzioni abbia un pò di pudore o di vergogna nei confronti di Cremona e dei suoi cittadini?....Scusate,ma il prefetto ed il questore da che parte stanno?...

    Rispondi

    • giuseppe

      2015/01/28 - 11:11

      Ricordo che quando Maroni era un dirigente leghista fu "manganellato" dalla celere e quindi allora apriti cielo le Prefetture vanno abolite, quali segno inconfondibile del potere centralista (nascono con il fascismo) che imbriglia ed imbavaglia le autonomie locali....poi d'improvviso il Bobo diventa Ministro degli Interni ( il capo delle Prefetture) ed allora Viva le Prefetture. FATE VOBIS !!!!

      Rispondi

    • mario

      2015/01/27 - 20:08

      Io proverei a domandare ai loro diretti superiori se prefetto e questore sono persone veramente in grado di garantire l'ordine pubblico e l'incolumità di tutti i cittadini cremonesi. Ho l'impressione che si stiano disinteressando di quella che è la volontà, sacrosanta e non violenta, della quasi totalità dei cittadini. Passeremo un'altra serata che tranquilla non sarà.

      Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000