il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Lega Nord: dimissioni di sindaco e questore, allontanamento del prefetto, chiusura immediata dei centri sociali

"Non si doveva organizzare in questi tempi e in questi modi questa marcia"

Lega Nord: dimissioni di sindaco e questore, allontanamento del prefetto, chiusura immediata dei centri sociali

I black bloc responsabili della guerriglia

CREMONA - Anche la Lega Nord Cremona ha emanato un comunicato stampa a firma della segreteria cittadina: "I gravi episodi di violenza accaduti sabato pomeriggio a Cremona, che hanno devastato e reso impraticabili due delle arterie principali della città, necessitano di una presa d’atto del fallimento di questa amministrazione che non ha saputo o peggio voluto evitare che una manifestazione da loro presentata come pacifica, si trasformasse per la città in una tranquilla giornata di guerriglia. Già nei giorni precedenti, erano chiari gli intenti bellicosi espressi dagli organizzatori del Centro sociale Dordoni. Era poi lampante che le violenze e le distruzioni accadute in altre città sarebbero accadute anche a Cremona: non si doveva organizzare in questi tempi e in questi modi questa marcia, passando vicino alla sede di Casa Pound (chiusa e svuotata). Il sindaco ha successivamente giocato allo scaricabarile scrivendo nel comunicato stampa di sabato che: “…l’autorizzazione di tale manifestazione non rientra giuridicamente tra le competenze del comune di Cremona…”…nessuno ha permesso questo corteo pieno di violenza…” .

In realtà ai sensi dall’articolo 54, c. 4 della legge del 24 luglio 2008 n. 92, “il sindaco, quale ufficiale del Governo adotta con atto motivato provvedimenti anche contingibili e urgenti…al fine di prevenire e di eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana…”.

Inoltre, il Sindaco fa parte insieme a Prefetto e Questore e ad altri membri, del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza. Quindi nessuno ha autorizzato questa manifestazione? Ci domandiamo se nelle riunioni per prepararsi al corteo, erano tutti d’accordo sulla necessità di farla con queste modalità a Cremona. Perché il Sindaco, viste le dichiarazioni bellicose dei giorni precedenti, non si è opposto? Come mai ha fatto spostare prima della marcia tutti i cestini della spazzatura che potevano essere usati come arma impropria? Come mai è stato richiesto agli esercenti di togliere tutti i plateatici mobili, tavolini e sedie? Perché la Questura ha suggerito ai negozianti di non aprire il pomeriggio di sabato? In realtà le nostre istituzioni sapevano a cosa andavano incontro la città e i cittadini e forse deliberatamente, non hanno usato i metodi di prevenzione: ad esempio bloccare i treni e i pullman in arrivo da fuori, controllandoli e sequestrando tutto il materiale atto a offendere e denunciando a piede libero i suoi possessori. Fra l’altro erano ben individuabili e riconoscibili i soggetti armati di casco, spranghe e protezioni, celate sotto le bandiere e occultate, ma non troppo, all’interno del camioncino davanti al corteo. E che dire del corteo pacifico che si apre e lascia spazio, coperti dai fumogeni, ai facinorosi? Conniventi o minacciati? Il Pd però ci ha chiarito tutto con un bel comunicato ipocrita che attribuisce le colpe agli altri. Prima il Sindaco deve chiudere i due Centri sociali cittadini Dordoni e Kavarna: se ne vadano in periferia a proprie spese e non intimoriscano più la collettività che fra l’altro paga le loro strutture. E’ opportuno poi che Sindaco, Prefetto e Questore che hanno dimostrato incapacità nel gestire la situazione si dimettano dal loro incarico. Voluta o non voluta, questa situazione denota incompetenza, pressapochismo e ingenuità. Un plauso particolare alle Forze dell’Ordine e soprattutto alla Polizia Municipale: se non avessero mantenuto il sangue freddo e se si fossero opposti con l’uso delle armi, ricordiamo che quella è una caserma, probabilmente ora staremmo a piangere anche qualche ferito o peggio, qualche morto".

25 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • GIORGIO

    2015/01/30 - 20:08

    ..in una nazione civile questi schifos... sono arrestati sul posto e ...(beh!! ometto altrimenti direbbero "che fascista!" , unica cosa che sanno dire). Qui in italietta devi anche fare attenzione a come li fermi ,ovviamente con gentilezza, ma magistrati e politici si sono mai chiesti perche' sul dizionario questi soggetti , in ogni parte del mondo , vengono chiamati delinquenti?? perche' trasgrediscono le leggi ed aggrediscono l'Autorita' preposta che , solo qui nell'italiota buonista, non viene tutelata!!ovvio!! abbiamo gli ex sessantottini ora ai vertici (coloro che lanciavano di tutto contro gli "sbirri" negli scontri di piazza) e che ora allo sbirro/celerino dettano legge.beh!! che Dio (tra qualche anno dovremo dire Allah ) ce la mandi buona!ah!! in Italia i vigliacchi che hanno sfasciato Cremona , soprattutto sui mass media, li si chiama "quei ragazzi"" quei giovani irrequieti" figli di papa' annoiati che presi da soli sono il "due di briscola".Nemmeno a donne sanno andare.inutil

    Rispondi

  • gianfranco

    2015/01/26 - 20:08

    io non sono ne di destra ne sinistra e considero questi fatti solo provocati da delinquenti senza cervello, ma mi fa ridere sentire parlare quelli della lega di fallimento di questa giunta quando negli ultimi cinque anni hanno fatto di tutto per dimostrare che non sanno assolutamente governare neanche un pollaio, hanno fatto di tutto per mettere in difficoltà il buon perri. voglio fare una domanda a questi geni, se capitava a loro e a perri, ci andavano vestiti di verde e le corna in testa a fermarli ?

    Rispondi

  • NICOLA

    2015/01/25 - 18:06

    Il borgomastro da la colpa al viceré, il compagno tiene il broncio al legajolo (in realtà suo moroso, vedi le dichiarazioni di salvini) che a sua volta vuole cinquestelle come la guida Michelin, il questore a quest'ora è in questura...e la farsa continua...e non è colpa di nessuno...come al solito.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000