il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La rabbia e le polemiche il giorno dopo la devastazione

Il presidente di Confcommercio: le autorità competenti hanno autorizzato una manifestazione che non si doveva permettere

La rabbia e le polemiche  il giorno dopo la devastazione

Il giorno dopo la devastazione dei black bloc

CREMONA - Il giorno dopo la violenza inaudita dei black bloc che hanno scatenato una vera e propria guerriglia urbana non resta che fare la conta dei danni.

Tra le prime dichiarazioni della mattina arriva quella del presidente di Confcommercio Cremona, Fausto Casarin: "Il Governo non ha saputo garantire l’ordine e la sicurezza. Perché non è bastato l’impegno generoso dei tanti agenti arrivati in città. Forse non era una sfida che si poteva risolve semplicemente rafforzando le forze in campo. Di sicuro non sarebbero bastati gli appelli alla partecipazione democratica e alla non violenza. Le autorità competenti hanno autorizzato una manifestazione che non si doveva permettere. Che il corteo annunciato come 'pacifico' non potesse essere tale non era difficile da capire. Lo sapevano (è difficile credere il contrario) gli stessi organizzatori, che hanno responsabilità precise e gravissime di cui dovrebbero essere chiamati a rispondere perché non basta trincerarsi dietro all’idea del gruppo di infiltarati. Lo avevamo previsto come Confcommercio, come dimostra il porta a porta per informare tutti i negozi. Le vetrine oscurate restituiscono la preoccupazione delle imprese per questa ondata di collera incontrollata e livida. I cittadini si sono barricati in casa, vittime di un coprifuoco non scritto. Lo avevano insomma capito tutti. Tutti tranne chi ha autorizzato il corteo".

"Nessun personalismo, probabilmente le leggi non hanno aiutato i rappresentanti dello Stato a prendere decisioni diverse. Evidentemente però il tiro va corretto, perché non si possono tutelare i professionisti dello sfascio a discapito dell’Italia onesta, che rispetta le regole. Non si devono legittimare gli estremisti se danneggiano l’Italia che lavora e produce. Quello di sabato deve essere letto come un ultimatum, deve dare a tutti la forza del cambiamento che evidentemente, la politica, da sola, non sembra in grado di produrre. Rispettare i diritti dei cittadini e dei lavoratori avrebbe certificato l’esistenza e la volontà dell’Italia reale che non si arrende e vuole vincere la crisi, nella massima pace sociale.  La stessa che, già oggi, risvegliandosi in una Cremona devastata e ferita, inizierà a fare la conta dei danni subiti per poi riprendere il cammino. Con l’amarezza che lo Stato non si fa adeguatamente responsabile di questa situazione. Occorre, da subito, prevedere indennizzi per queste imprese che si sono trovate con le vetrine sfondate o con altri guai da rimediare. Serve un impegno di tutti. Per questo ci siamo già attivati con la Confcommercio regionale e nazionale. Ed inviteremo le Istituzioni, i consiglieri a Milano e i parlamentari (con qualche difficoltà nel rivolgerci a chi ha sfilato con i manifestanti) ad avanzare proposte di legge perché questi fatti non si possano ripetere. Serve un segnale forte perché delle false promesse ne hanno tutti piene le scatole, anche i commercianti e i cittadini. Non nascono l’amarezza per le riprese trasmesse dai media nazionali, con i violenti che sono entrati tranquillamente nel corteo con 'uniformi nere' e sacchi 'pieni di bastoni' per spaccare vetrine e malmenare gli agenti. O nel leggere che nessuno  stato fermato. Cremona si è fatta, insomma, trovare impreparata, nella più benevola delle ipotesi. Non ce lo possiamo permettere (e le devono capire le autorità regionali e nazionali) a poche settimane dall’Expo. Non è così che possiamo testimoniare che l’Italia, per quanto triste lo spettacolo offerto dalla sua parte peggiore (non mi riferisco solo ai black bloc), resta un grande paese: ordinato, civile, responsabile e coeso. Per una giornata i facinorosi si sono presi il 'presente di Cremona'. Non lasciamogli anche il futuro'.

25 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/01/26 - 07:07

    Vada a manifestare l'antifascismo in Corea del Nord e si porti via tutta la feccia umana dei suoi amici dei centri a-sociali. Nessuno vi fermerá...........ah e prima di andare vendete le vostre 4 bettole e ripagate tutti i danni. Buon viaggio

    Rispondi

  • giuseppe

    2015/01/25 - 17:05

    Come sarebbe che la manifestazione antifascista non si doveva permettere? Quello che è successo è gravissimo ma gli unici che in questo paese non possono manifestare sono i fascisti caro presidente di confcommercio

    Rispondi

  • graziano

    2015/01/25 - 16:04

    Come al solito non avranno arrestato nessuno.............che bella immagine di Giustizia !!

    Rispondi

  • DAVIDE

    2015/01/25 - 14:02

    Nell'organizzare queste manifestazioni si sa bene che cercheranno di essere presenti deliquenti: non reagire come dovuto alla loro presenza, insolandoli con un proprio cordone "sanitario" significa rendersi complici dei loro comportamenti..

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000