il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

I 'black bloc' tentano l'assalto alla sede di Casa Pound, imboscata da via Dante

La zona intorno a via Geromini teatro della guerriglia urbana

I 'black bloc' tentano l'assalto alla sede di Casa Pound, imboscata da via Dante

CREMONA - La zona intorno a via Geromini è diventata teatro della guerriglia urbana. I 'black bloc' stanno tentando di assaltare la sede di Casa Pound. Si è trattata di una vera e propria imboscata perché si sono nascosti in via Dante e poi sono sbucati armati di molotov, sassi e bombe carta in via Stauffer per raggiungere Casa Pound.

Le tensione sul corteo erano nate intorno alle 17 mentre i manifestanti si trovavano all'incrocio tra viale Trento e Trieste e via Belfiore. Il lancio di fumogeni non consentiva di vedere nulla.

Un contingente romano, circa 50 militanti, con caschi e manganelli in versione 'black bloc' sono arrivati in città con l'obiettivo proprio di assaltare la sede di Casa Pound e di non consentire il pacifico e civile svolgimento della manifestazione.

Ci sono state almeno tre cariche delle forze dell'ordine aggredite dai 'black bloc'.

L'elicottero della polizia sorvola la zona.

 

 

Seguono aggiornamenti con video e foto

24 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • davide

    2015/01/25 - 09:09

    Manganellate,pattume sociale,violenti sanguinari,regime,paragonare il nazismo al comunismo...vedo solo commenti schiumanti di rabbia e odio,esempi della peggiore destra obsoleta,una generazione che si introduce con mi consenta...meglio cosi' cmq,mi auguro che vi rimettano in riga e ridotti al silenzio come è stato,e sempre sarà.Ossequi.

    Rispondi

  • NICOLA

    2015/01/24 - 18:06

    Ma vi rendete conto che oggi si è superato ogni limite?? Prigionieri in un libero stato, vecchi e bambini segregati in casa nel terrore, lavoratori già annientati da questa immonda economia oggicostretti a chiudere per non essere devastati da questi cani delinquenti, da questo pattume sociale, da questi violenti e sanguinari impostori....e tutto questo col beneplacito di regime, prefetti, sindaci, politivendoli sostenitori, giornalai asserviti e compagnia brutta, mentre le forze dell'ordine restano inermi pur sapendo quanto questa gentaglia li odi e li vorrebbe morti e come questo governo li tenga con le pezze al culo e non veda l'ora di smantellare loro e le forze armate tutte!!! Si può chiedere giustizia per questo sequestro di massa e la negazione dei diritti?? Non certo appellandosi alla magistratura "cromaticamente mono direzionale" e nemmeno alle varie corti di diritti-farsa (al circo costa meno e si ride di più).

    Rispondi

    • raffaella

      2015/01/24 - 20:08

      sconcertante che codesto giornale pubblichi le vomitevoli farneticazioni di un nazista.

      Rispondi

      • xxx

        2015/01/24 - 22:10

        mi consenta....è lei sconcertante...signora o signorina raffaella.....il nazismo è stato per fortuna sconfitto.....cosa che non lo è ancora stato per il comunismo che è ancora vivo e vegeto....e i fatti lo dimostrano.......che siano stati un centinaio di dimostranti a fare più casini non discolpa le ideologie fanatiche degli antagonisti di sinistra estrema dei centri sociali.......

        Rispondi

      • 2015/01/24 - 20:08

        Ognuno si prende la responsabilità di ciò che dice, lei compresa. E' d'accordo?

        Rispondi

  • Roberto

    2015/01/24 - 17:05

    La violenza ha un solo nome : comunista

    Rispondi

    • xxx

      2015/01/24 - 20:08

      PAROLE SANTE

      Rispondi

  • DAVIDE

    2015/01/24 - 17:05

    Se per fascismi si intende violenza, intransigente non apertura al dialogo allora gli autonomi/centri sociali sono perfetti fascisti. E se qualcuno avvesse dei dubbi bastino le immagini .

    Rispondi

    • mario

      2015/01/24 - 18:06

      Queste non sono persone, sono bestie. L'unico metodo per farli ragionare è il manganello. Spero che le forze dell'ordine lo usino bene.

      Rispondi

      • Francesco

        2015/01/25 - 17:05

        In alternativa c'è sempre l'esempio dei due bienni 1919-1920 che ci prometteva una sanguinosa marcia di 70 anni verso il nulla 1921-1922 quando si scoprì la terapia del "manganello... manganello... che rischiari ogni cervello" https://www.facebook.com/groups/728068970551099/?fref=ts

        Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000