il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Con i telefonini oltre le sbarre

Blitz degli agenti in carcere, trovati due cellulari

Con i telefonini oltre le sbarre

Il carcere di Cremona Cà del Ferro

CREMONA - Il blitz è scattato alle 6 del mattino, ed è durato oltre quattro ore. Quasi 50 agenti della polizia penitenziaria hanno passato al setaccio tutto il carcere di Cà del Ferro. Celle, corridoi, ambienti comuni. Tutto. E non è stato uno sforzo inutile. In una cella gli agenti hanno trovato un telefonino addosso a un detenuto. Un altro cellulare era nascosto nella stessa cella (celato tra le masserizie dei reclusi). Entrambi gli apparecchi sono perfettamente funzionanti. Nello stesso locale è stata trovata una siringa vuota. Si è trattato di un’operazione a largo raggio, che ha confermato l’attenzione e la determinazione della polizia penitenziaria del distaccamento di Cremona. In termini tecnici si è trattato di una ‘perquisizione straordinaria’. Le attenzioni si sono concentrate, in particolare, sul vecchio padiglione, dove al momento ci sono circa 350 detenuti, un numero superiore a quello previsto. Proprio lì sono spuntati i due cellulari. La notizia del maxi controllo e del sequestro di telefonini e siringa si è diffusa già dalla tarda mattinata ed ha provocato reazioni e commenti a livello sindacale.

LEGGI DI PIU' SULLA PROVINCIA DI SABATO 10 GENNAIO

09 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • They

    2015/01/10 - 07:07

    Questo è un segno che i carcerati sono trattati troppo bene, inoltre è URGENTE mandare a casa loro i carcerati stranieri che stanno "rubando" soldi e risorse a servizi importanti come sanità e scuola.

    Rispondi

  • DAVIDE

    2015/01/09 - 22:10

    Bravi gli agenti. Ma...i controlli all'ingresso?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000