il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il sottopasso è un incubo, commercio in sofferenza

Proteste sul cantiere di via Brescia, l'amministrazione conferma che i tempi dei lavori saranno rispettati

Il sottopasso è un incubo, commercio in sofferenza

Il gigantesco impalcato davanti alla chiesa di San Bernardo

CREMONA - Le ruspe sono al lavoro in via Brescia, il gigantesco impalcato, che sarà collocato sotto la ferrovia il 6 e 7 febbraio, è lì da vedere. I tecnici del Comune, a partire dal dirigente dei lavori pubblici. Marco Pagliarini, ostentano ottimismo e negano, con vigore, ogni ritardo.

Ha detto giovedì 8 gennaio Pagliarini: «Il cronoprogramma viene rispettato, gli operai della Paolo Beltrami spa hanno lavorato anche durante il periodo natalizio, di giorno e di notte, e anche noi siamo spesso al cantiere per monitorare la situazione. L’amministrazione comunale, con l’assessorato guidato da Alessia Manfredini, è costantemente in contatto con l’impresa e con i vari comitati di quartiere, anche in vista della futura modifica della viabilità. Questo è sì un tema che ci preoccupa, come abbiamo sentito nelle assemblee alle quali hanno partecipato i residenti, ma lo affronteremo al momento opportuno».

Non la pensano allo stesso modo all’edicola Manfredini, che si trova davanti alla chiesa e che, nonostante sia stata spostata di qualche metro verso l’ingresso dell’ex Duemiglia, è di fatto blindata dal cantiere. In una recente lettera al nostro giornale, i titolari lamentano il grave disagio provocato dal cantiere, la difficoltà per chi vuole prendere il giornale di arrivare, e quindo l’esodo verso altri punti vendita. Ammette la perdita di clienti, ma che si è fermata con i saldi, Aldo Nassano, titolare di Immagine Moda, grosso negozio a pochi metri dal cantiere. Lui la vede così: «Si, il calo c’è stato, ma poi la gente si è abituata e chi vuole venire da noi, supera ogni tipo di ostacolo. Posso dire che i lavori vanno avanti, gli operai ci sono, anche fino a tardi, e quando c’è la necessità di avere informazioni, chiamiamo il Comune e abbiamo le risposte attese. Ci sono stati, nelle scorse settimane, momenti più difficili, quando cioè il traffico veniva fermato a metà di via Brescia ed vi erano incredibili deviazioni. L’augurio è che il sottopasso sia aperto prima dell’estate, anche perchè poi dovranno rifare le fognature in via Soldi, e qui i tempi sono incerti».

Dall’altra parte di via Brescia, esattamente all’incrocio con via Gallazzi, c’è il negozio di merceria di Sabrina Pedretti che è alle prese con i saldi. Ma non si lamenta, anche perchè il giro c’è ed anche le macchine possono transitare, Il suo commento: «Il peggio è passato, certo stanno peggio coloro che hanno il negozio vicino alle sbarre. Ma se penso alla chiusura legata al sottopasso di via Persico, faccio i complimenti a impresa e Comune perchè si vede che vogliono concludere».

09 Gennaio 2015

Commenti all'articolo

  • Giorgio

    2015/01/09 - 16:04

    Meno male che la precedente amministrazione guidata da Perri, ha programmato le cose per bene, basta vedere il sottopasso di via Persico. Dubito molto che la nuova amministrazione, visto cosa sta succedendo in Italia con giunte di sinistra, sarebbe riuscita a far rispettare i termini.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000