il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


VIADANA

Svolta nell'omicidio Gobbi, fermato il complice di Bonazzoli

Si tratta di Roberto Infante 50enne di Viadana

Svolta nell'omicidio Gobbi, fermato il complice di Bonazzoli

Giorgio Gobbi e i rilievi del Ris

CREMONA - Svolta nell'omicidio di Giorgio Gobbi, il 43enne ucciso a Viadana il 4 dicembre scorso e ritrovato cadavere nel bagagliaio della sua auto nei presi di una centro commerciale di Parma. Nella mattinata di lunedì 22 dicembre è stato arrestato Roberto Infante, 50enne di Viadana, ritenuto essere il complice di Luciano Bonazzoli, 49 anni, reo confesso del delitto del cognato.

 

Infante, hanno stabilito i carabinieri al termine delle indagini, ha aiutato Bonazzoli a uccidere il cognato all'interno del magazzino della ditta 'Luma' di Viadana. Il 50enne, inoltre, ha avuto un ruolo attivo anche nell'occultamento del cadavere. Secondo la ricostruzione dei militari, Infante avrebbe guidato la Range Rover del defunto - con il corpo senza vita di Gobbi nel bagagliaio - fin a Parma per poi lasciarla parcheggiata nei pressi del centro commerciali 'Le Torri'. Bonazzoli si sarebbe poi recato a Parma con l'auto di Infante per riportalro a casa.

 

L'arresto fa seguito al ritrovamento dell'arma del delitto, una fucile, individuata dopo una serie di accurate ispezioni condotte nella campagna di Soave di Porto Mantovano.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

23 Dicembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000